La discesa internazionale del Tevere

www.discesadeltevere.org

Aprono le iscrizione per la Discesa Internazionale del Tevere
Attraverso tutta l’Umbria, il Lazio fino a Roma ed il suo mare. Sono aperte le iscrizioni per la Discesa Internazionale del Tevere da Città di Castello a Roma che si svolgerà dal 24 aprile al 2 maggio 2014. In canoa, in bici o a piedi l’importante è scendere per la Valle del Tevere fino ad arrivare Ostia Antica. L’appuntamento è a Città di Castello da dove la colorata carovana fluviale percorrerà la valle tiberina con tappe giornaliere di circa 20 chilometri. I diversi percorsi sono guidati e si dorme e si mangia in strutture comuni ospiti di associazioni locali.

Tevere sotto Todi

La Discesa non è però solo un evento sportivo, ma è anche un modo di fare turismo naturalistico e culturale. I partecipanti, infatti, saranno immersi nella natura e visiteranno siti storici ed archeologici come la Torre di Pretola (ed il suo Ecomuseo), la Città umbro-romana di Otriculum, il Parco di Tevere-Farfa, gli scavi archeologici di Ostia Antica oltre ad attraversare tutta la città di Roma lungo il fiume. Ci sarà spazio anche per rappresentazioni artistiche quali i Canti popolari di tradizione orale.
La Discesa del fiume sarà anche un’occasione per promuovere il Parco Interregionale del Fiume Tevere e l’idea di un turismo ecosostenibile, lungo il corso del fiume, attento all’ambiente ed alle gestione del territorio. La Discesa percorrerà tutto il Tevere inteso come vera infrastruttura verde. Durante l’evento si mangiano cibi locali e l’acqua che si beve è del rubinetto (la plastica è fortemente disincentivata).
L’edizione della Discesa, oramai storica in quanto giunge quest’anno alla sua XXXV edizione, accoglie ogni anno centinaia di “tibernauti” molti dei quali stranieri che percorrono allegramente il Tevere, la sua valle, la sua gente.
Per informazioni: www.discesadeltevere.org
Info stampa: 3472439715
www.discesadeltevere.org
http://discesadeltevere2014.blogspot.it/

Tevere a Roma

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *