Il fiume va… non ha paura dell’oceano

di Toty Donno

Toty Donno per www.lavocedelmarinaio.comDicono che persino un fiume prima di riversarsi nell’oceano, tremi di paura. Guarda all’indietro per tutto il suo percorso le cime, le montagne, la lunga strada sinuosa attraverso le foreste e attraverso i villaggi e vede davanti a sé, un oceano così vasto, che entrarci dentro, sarebbe come sparire per sempre.
Però non c’è verso, il fiume non può tornare indietro. Nessuno può farlo. Tornare indietro è impossibile nell’esistenza. Puoi solo andare avanti.
Il fiume deve rischiare ed entrare nell’oceano. E soltanto quando entra nell’oceano, la sua paura sparisce. Perché solo allora, il fiume capisce che non si tratta di sparire nell’oceano, ma di trasformarsi in oceano.
Da un lato c’è la sparizione e dall’altro c’è la rinascita. Noi siamo così. Possiamo andare avanti e rischiare.
Coraggio! Avanza deciso e trasformati in Oceano!

 

il fiume va non ha paura dell'oceano - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Le parabole e ritratti di Toty Donno, Racconti, Recensioni. Permalink.

14 risposte a Il fiume va… non ha paura dell’oceano

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Racconto encomiabile di Toty Donno che in questa settimana Santa assume un valore particolare. Un abbraccio a lui e a tutti voi

  2. Maura Delfino Curioso dice:

    mi piace assai

  3. Toty Donno dice:

    Un abbraccio e un caro saluto a te e a tutti gli amici di La voce del Marinaio…

  4. Giuseppe Sciuto dice:

    mi piace complimenti

  5. Enzo Arena dice:

    mi piace

  6. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Toty Donno innanzitutto grazie. Questo tuo racconto, in questa settimana Santa, assume un significato più profondo. Colgo l’occasione per augurare a te, ai tuoi cari e alla comunità serene feste pasquali

  7. Toty Donno dice:

    Tanti Auguri anche a te e alla tua famiglia…grazie

  8. Anna Maria Di Settimio dice:

    grazie a voi tutti!!!

  9. Davide Galli dice:

    Già lo sento soffiare… Grazie Ezio!”

  10. Roberta Ammiraglia88 dice:

    Ciao Ezio,
    ieri sera ho “scoperto” una bella frase che riguarda i libri (e non solo), la faccio “girare” per il suo significato:
    Se la parola dicesse:
    “non è una parola che può fare una pagina”, non esisterebbero i libri.

    Se la goccia dicesse:
    “non è una goccia che può fare un fiume”, non esisterebbe l’oceano.

    Se il mattone dicesse:
    “non è un mattone che può fare il muro”, non esisterebbero le case e le costruzioni.

    Buon vento!
    Ciao ciao
    Roberta

  11. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Roberta carissima,
    è un pensiero bellissimo e condivisibile che sento molto mio. Grazie per averlo condiviso con me.
    E’ una settimana che fa molto riflettere questa (almeno per me)e mi fa testimoniare che la “verità” deve prevalere su tutto perché è limpida e trasparente come il mare che abbiamo dentro.
    Colgo l’occasione per augurare a te e ai tuoi cari serene festività.
    Ezio

  12. Antonella Mery Stella dice:

    Febbre del mare

    Devo tornare sul mare, solitario sotto il cielo, e chiedo solo un’alta nave e una stella per guidarla, colpi di timone, canti del vento, sbuffi della vela bianca, e bigia foschìa sul volto del mare e un bigio romper dell’alba.
    Devo tornare sul mare, ché la chiamata della marea irruente è una chiara
    selvaggia chiamata imperiosa; e io chiedo soltanto un giorno di vento
    con volanti nuvole bianche, pien di spruzzi e di spuma e di strillanti gabbiani.
    Devo tornare sul mare, alla vita di zingaro vagabondo; alla via
    delle balene e degli uccelli marini, dove il vento è una lama tagliente;
    e io chiedo solo un’allegra canzone da un compagno ridente e un buon sonno
    e un bel sogno quando la lunga giocata è finita.

  13. Maura Delfino Curioso dice:

    La nostra presenza
    Tenne alti i gabbiani
    Calamitati sull’isola
    In un’attesa d’approdi
    Stridente e circolare.

    Tra noi e loro
    L’antica ansia
    Che accende e spegne
    Le ore.

    Lontani in un mare d’anilina
    La riva scolorò
    E bianche ali tese
    Si coricarono
    Nel tramonto di pace.

    Rosinella Celeste Lucas

  14. Silvana De Angelis dice:

    Il bello della vita è esserci al calar del sole vederlo scomparire , come se fosse un miraggio…………perchè di questo è fatta la vita…solo di momenti da nn perdere….BUONA SERATA AMANTI DEL MARE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *