19 – 30 marzo 2014 “Maratona per i Marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone dalla Madonna di Loreto al Vaticano

Oggi 19 marzo 2014 è partita in perfetto orario alle ore 10.00, dalla piazza della Madonna di Loreto (Santuario della Santa Casa di Loreto), la maratona pro-Marò da Loreto a Roma (dal Papa). Da Loreto a Roma dal Papa per i marò prigionieri in India arriverà a Roma  a sostegno di Massimiliano La Torre e Salvatore Girone prigionieri in India. La manifestazione dovrebbe concludersi domenica 30 marzo p.v. in Vaticano al cospetto di Papa Francesco.
Per ulteriori informazioni:
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=725706450782722&set=a.278676485485723.70220.278661802153858&type=1&theater

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Curiosità, Marinai, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

54 risposte a 19 – 30 marzo 2014 “Maratona per i Marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone dalla Madonna di Loreto al Vaticano

  1. Silvana De Angelis dice:

    L’opportunità è come l’alba.
    Se l’aspettate troppo, la perdete… …BUONA GIORNATA!!

  2. Michele Di Liberto dice:

    BUONA NOTTE MAX E SALVO
    NOTTE A TUTTO IL GRUPPO

  3. STELLA PASQUALE dice:

    e’ uno schifo ….marinaio per sempre…..

  4. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    e vergognoso, vogliono distruggere anche le nostre forze armate, tra non molto si venderanno anche la nostra bandiera.

  5. Antonino Accurso dice:

    Non è che vogliono fare il paghi uno prendi due?

  6. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    al tg hanno parlato del Garibaldi.

  7. FRancesco Giliberto dice:

    …una cosa è non comprare nuovi aerei o costruire nuove navi, un’altra cosa è vendere quelle che già hai……mercanti!!!

  8. Adriano Marturano dice:

    i tagliandi sono taroccati

  9. Giovanni Scielzi dice:

    Mah…

  10. Pietro Rossi dice:

    evviva le zecche chi le ha votate e chi le voterà!

  11. Maurizio Papa dice:

    Pietro Rossi io nn la stavo mettendo in politica e allora x cambiare lo stato delle cose solo una cosa ci salverà votate il Movimento 5 stelle alle prox tornate elettorali e forse cambieremo questa nostra bella ITALIA

  12. Carmelo Di Natale dice:

    guarda che i 5S venderebbero tutte le FF.AA.

  13. Maurizio Papa dice:

    Carmè scusami ma te lo dico in siciliano Minchiate

  14. Carmelo Di Natale dice:

    Guarda che sono gli unici che ogni giorno dicono (ma solo per fare effetto) che non bisogna comprare gli F35. Adesso diranno che la riduzione degli F35 e la vendita del Garibaldi lo hanno fatto fare loro

  15. Maurizio Papa dice:

    nn comprare gli F 35 lo diciamo da sempre e nn solo x recuperare quei soldi x fare altro ma anche xkè sono ciofeche che nessuno ormai li vuol comprare e li scaricano ai soliti Italiani che ci mangiano sopra con tangenti e chissà quant’altre cose come sempre ci son sotto

  16. Strano Leonardo dice:

    Pazzia!!! Pura follia!!!! Come stiamo cadendo in basso!!!

  17. Ciro Laccetto dice:

    L’Angola vuole il GARIBALDI

    data: 24-02-2014

    a cura di: Pietro Batacchi

    L’Angola punta ad acquistare la portaerei GARIBALDI dall’Italia. Dell’affare, la cui notizia ci è stata confermata da più fonti, si è parlato anche di recente in occasione della sosta del 30° Gruppo Navale – nell’ambito dell’iniziativa per la promozione del sistema Paese nel mondo tra Marina, industrie e associazioni – nella capitale Luanda. Proprio in questo contesto era prevista anche una visita nel Paese da parte del Ministro Mauro, annullata poi per gli avvenimenti legati al cambio di governo in Italia. L’Angola, peraltro, sembrerebbe interessata anche ad una o 2 Maestrale, un paio di pattugliatori della classe COMANDANTI o BORSINI, una o due unità logistiche e, infine, più unità veloci per la protezione delle piattaforme offshore. Un’ipotesi è anche quella di puntare, in alternativa al GARIBALDI, su una LPD della classe SANTI, meno complessa ed onerosa da un punto di vista della gestione, quindi più abbordabile per le attuali capacità del Paese, ma sempre in grado di garantire, seppur in forma differente e ridotta, capacità di comando e controllo e proiezione.

    L’interesse di un Paese come l’Angola addirittura per una portaerei o per una LPD si spiega alla luce, soprattutto, di 2 ragioni. Da un lato, questioni di status per un Paese in forte ascesa, un Paese per di più di mentalità e cultura strategica sovietica, che dello status hanno sempre fatto un nodo centrale, essendo i propri vertici militari nati e cresciuti all’ombra della partnership strategica che da sempre lega Luanda a Mosca. Dall’altro, l’esigenza del Paese di giocare un ruolo sempre più di primo piano in seno all’Unione Africana anche in contesti “lontani” quali l’Oceano Indiano e il Golfo di Guinea dove, prima o poi, l’UA sarà chiamata a subentrare ai Paesi occidentali nelle operazioni anti-pirateria e di controllo delle linee di comunicazione marittime o, quanto meno, ad affiancarli. Queste ambizioni sono sostenute da spese per la Difesa in costante aumento – comprese, quest’anno, tra 6 e 8 miliardi di dollari e seconde, nel continente africano, solo a quelle algerine – alimentate dai notevoli proventi garantiti dalla produzione petrolifera (ormai prossima a superare la soglia dei 2 milioni di barili il giorno).

    Con l’Italia negli ultimi tempi i rapporti si sono fatti sempre più stretti e sono stati ulteriormente consolidati con un accordo di cooperazione ad ampio raggio nel campo della Difesa firmato a Roma lo scorso novembre. Del resto in Angola c’è grande considerazione per l’Italia, ritenuta (a ragione, ma purtroppo noi Italiani non ce ne rendiamo conto…) un punto di riferimento nel campo della sicurezza e delle operazioni di stabilizzazione a livello internazionale. L’interesse di Luanda per un pacchetto di navi così ampio e complesso, chiaramente, dovrebbe tradursi in un partnership strategica a lungo termine estesa all’addestramento ed alla formazione del personale e degli equipaggi considerando che la Marina angolana è oggi limitata a qualche FAC e motovedetta. In pratica, la Difesa italiana dovrebbe assistere il Paese a edificare ex novo una Marina. Un compito arduo, ma che rappresenterebbe un’enorme opportunità per tutto il sistema Paese, con ricadute inimmaginabili sul piano industriale e strategico. Beninteso, sempre che, mentre l’Italia è in tutt’altre cose

  18. Oscar Rossi dice:

    Gli F35 fanno così schifo, che li sta comprando Israele, che si sa! è appena dopo i Burundi e le sue forze armate sono da operetta!..

  19. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    Maurizio guarda che Carmelo a ragione.

  20. Pietro Rossi dice:

    Maurizio Papa, è politica del fare che hanno voluto gli italioti…….non volevo scendere nei particolari……..ma tutti si stanno muovendo per affondare la mia Patria Italia…………demagogia e baggianate imperano………..la storia non ha insegnato nulla………
    congresso di Vienna dove il Metternich ebbe a dire: L’ITALIA E’ UNA SEMPLICE ESPRESSIONE GEOGRAFICA…….ora si sta avverando………… politicanti da strapazzo vanno ad inchinarsi a chi non è riuscito ad egemonizzare in altro modo l’Italia…….so chi votare: CHI HA NEL CUORE PATRIA ED ONORE……..oggi nel parlamento non ce ne sono………….

  21. Ciro Laccetto dice:

    hahahahahahahahahahaha ! Grande Oscar condivido il tuo commento !:-)

  22. Maurizio Papa dice:

    restate convinti di cio che dite e continuate pure a votare x chi vi ha rubato anche la DIGNITA’ DI DIRE SONO ITALIANO

  23. Alberto Zuccarello dice:

    Speriamo che non si vendono anche l’equipaggio !

  24. Pietro Rossi dice:

    NON SERVE VENDERE L’EQUIPAGGIO, HANNO GIÀ VENDUTO IL POPOLO ITALIA

  25. Oscar Rossi dice:

    caro Maurizio: l’unico errore -Grande!- Colossale! … l’ha fatto l’Europa che dopo il Typhoon Eurofighter, il miglior caccia intercettore al mondo (lo dicono anche gli americani) non hanno messo in pista un caccia di superiorità aerea dei prossimi 20 anni anche VSTOL (come l’F35) utile anche a tutte le Marine EU/NATO che viaggiano con l’ormai più che datato (fine anni ’50 il progetto!) AV 8 Plus Harrier Boeing con velocità subsonica. L’errore che ha fatto la Loockeed Martin è quello di battere la grancassa dicendo che l’aereo è pronto (già con ritrado di 3 anni abbondanti): lo è ma troppo pieno di ‘difetti di dentizione’ tipici dei concentrati tecnologia.Sono difetti superabili dovuti ‘alla fretta’ di vendere!… La Marina Inglese, che non sono gli ultimi arrivati, pensando di avere già pronto l’F35 navalizzato, hanno una portaerei (più grande della bella Cavour)… ma non hanno aerei… perchè messi in pensione gli Harrier! NON ne hanno neanche uno disponibile! Quello che voglio dire: l’Europa che unita non è, poteva pensare a qualcosa del genere, i mezzi li ha!, creando altra tecnologia di punta e posti di lavoro… invece, in ordine sparso si deve ancora dipendere dgli Americani!… che la tecnologia la sanno fare e, soprattutto ‘pensare’…. Questo il vero errore!! NON l’F35.. che ha un costo di 14 mld di Euro ma spalmati su 20 anni!, con un ritorno economico immediato in termini di posti di lavoro… 5,000 (= 5.000 famiglie) che diventeranno il doppio a regime (indotto). Lo sapevi che l’Aeronautica/Marina Olndese ha demandato la manutenzione di TUTTi i suoi aerei alla AM/Finmeccanica (Sede Cameri / NO). Senza contare il ‘reverse engineering’ e la tecnologia che l’Italia ‘importa’ sia pure a caro prezzo! Prezzo dovuto alla suicida politica Italiana degli ultimi 20 anni con la distruzione di tutti poli tecnologici e di Ricerca e Svilppo (ed Università). Mi sia permesso questo forte commente: anche per questo nel Mondo l’Italia non vale un’amata e pluridecorata Minchia! vuoi un esempio che forse ti è vicino?: gli ottimi ed ipertecnologici U212A (Todaro – Scirè ed i prossimi) sono battelli made in Italia ma con 100% tecnologia tedesca. Come dire: una Mercedes costruita in Italia con disegni/tecnologia e componentistica tedesca!. Questo perchè l’itlia non è più in grado, ammazzata l’Università, la Ricerca e Sviuppo di fare un cazzo! Questo il vero disastro che spiega la disoccupazione e la mancanza di competività. Ammazzate il progetto F35 ed avrete ammazzato una fonte di tecnologia irraggiungibile all’Italia. Fate vobis. in m**** ci siete voi, figli e nipoti…

  26. Marcello Conticello dice:

    Scusate ma che pescaggio ha la vorrei portare a san vito lo capo x trasp. Pax. Vergogna….

  27. LUIGI AGNETO dice:

    VENDESI BATTELLO DI PICCOLO CABOTAGGIO.

  28. Giuseppe Orlando dice:

    …allora è vero? credevo una bufala!

  29. LUIGI AGNETO dice:

    CREDO CHE SIA TUTTO FUORCHE’ UNA BUFALA.

  30. Oscar Rossi dice:

    Secondo il Ministro della Difesa, Pinotti, è una bufala: ha sottolineato che ora di finirla di ritenere il Ministero della Difesa il bancomat della spending revue.

  31. Gesmundo Nicolo dice:

    La Garibaldi sta facendo grandi lavori da 18 a 24 mesi …e secondo voi la vendiamo
    La stanno trasformando in nave comando lhn lite navy helicopter …
    Motori nuovi radar nuovo sale operatorie nuove…
    In futuro ci sarà una nave comando ospedale x fronteggiare gli sbarchi a Lampedusa o in un altra parte nel mediterraneo …ora abbiamo una nave comando della classe santi più vecchia del Garibaldi.
    Facciamo attenzione s ciò che ci dicono…

  32. Don Gino Delogu dice:

    Però lo hanno detto al TG e la Pinotti al momento non ha smentito.

  33. Michele Di Liberto dice:

    TOGLIENDO LA PEPPINO E LA CAVOUR NN CI SONO NAVI CHE FANNO PORTA ELICOTTERI E AEROPLANI

  34. Enrico Albanesi dice:

    A me interessa,ma si può…provare?..hahahahaha

  35. Salvatore Bartolomeo dice:

    Mi vergogno….ma forse meglio così che avere mezzi costruiti per uno scopo regolarmente utilizzati per altri.e ci siamo capiti!

  36. Carlo Gaetani dice:

    ricorderete la farsa delle navi militari prossime al disarmo x vetustà : nave con equipaggio ridotto in riserva posta ai Grandi Lavori duravano anni poi ispiegabilmente la nave andava in disarmo/demolita chissà chi rideva e quanto….. ricordo il vecchio Garibaldi Peppino (alla Birindelli) ormeggiato a “4 catene” x anni a Marinarsen TA era il 78 poi una mattina del 79 partì x l’ultima navigazione verso la Fiamma Ossidrica…..

  37. Salvatore Bartolomeo dice:

    Verso la fiamma ossidrica manderei della gente io…

  38. Don Gino Delogu dice:

    Quando non c’è amor di Patria tutto è possibile. Senza Forze Armate saremo alla mercé di chiunque.

  39. Luigi Ghirardi dice:

    Coraggio! Facciamoci animo e andiamo avanti, anche le tempeste finiscono.

  40. Nicola Faino dice:

    Siamo nelle mani di “N E S S U N O” e chi potrebbe battere i pugni, se ne’ sta comodamente stravaccato nella sua poltrona in pelle. Po un ministro della difesa “DONNA” cose da pazzi, io a memoria l’unico che salverei e’ il (fu’) SPADOLINI, gli altri !! gente che non ha mai contato un “CAZZO”.

  41. MARCO MATTEI dice:

    CHE SCHIFO! VERGOGNA !

  42. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    e stato tutto studiato a tavolino, per distruggere più facilmente il nostro paese, eliminare o ridurre al minimo le nostre forze armate.

  43. Ernesto Carannante dice:

    Mettiamo in vendita i nostri Politici ….. Anche a costo Zero.

  44. Domenico Donato dice:

    stasera al tg hanno parlato di f 35 ma anche di 2 portaerei … Cottarelli ci sta preparando il cetriolo….

  45. Ettore Giampaoli dice:

    certo solo l’Italia poteva fare questo, e una cosa indegna anche per coloro che sono deceduti ho dispersi in mare.

  46. Pietro Rossi dice:

    i nostri politicanti non li vogliono neanche gratis……si saprebbero riciclare a scapito degli acquirenti…..

  47. Giovanni Angelo Arcadu dice:

    Ernesto….. quelli li abbiamo in leasing….. fanno già parte del portafoglio di abbronzatino e angelinen kulonen inkiavabilen 🙂

  48. Domenico Donato dice:

    sulla 7 la nostra ministro della difesa ..ha detto che il garibaldi sarà venduto parla anche dei nostri maro’ li vuole qui in Italia…

  49. Fiaschetti Alberto dice:

    Si sono venduti i ns Marò, adesso si vendono le nostre navi……amen.

  50. Nave Hedia dice:

    Cari amici, la verità è che qui ci vuole una seria legge navale, i nostri politicanti fanno finta di litigare e in tanto passa il tempo, loro prendono così i vitalizzi e il popolo soffre, classe politica dirigente scarsa, ad esempio vendiamo le fregate classe lupo alla marina peruviana, per poi ritirare quelle costruite per la marina irachena rimaste in porto causa embargo e trasformate in pattugliatori classe soldati in procinto di essere inviate al disarmo iniziato con nave Artigliere nel 2013.
    Comunque amaramente dico che la vendita del Garibaldi è un atto dovuto non solo per motivi di spending review, ma soprattutto tecnici. La nave è vecchia e una revisione radicale costerebbe quanto o più una nave nuova. Oggi la Marina ha un assoluto bisogno di prevedere la costruzione di LHD (Landing Helicopter Dock) per utilizzo della Brigata S. Marco, per le operazioni di proiezione dal mare in quanto gli sbarchi oggi si fanno con gli elicotteri. Le nostre attuali 3 LPD (Landing Platform Dock) sono vecchie quasi quanto il Garibaldi e dovranno progressivamente essere sostituite. Probabilmente per motivi economici dovremo optare per unità che habbiano sia caratteristiche LHD che LPD, degli ibridi. Poi c’è anche la necessità di sostituire i rifornitori di Squadra che hanno superato i 40 anni il Vesuvio è stato consegnato nel 1978. Quindi i soldi risparmiati dalla gestione del Garibaldi hanno molte possibilità di impiego, solo che una nave del genere non la vuole nemmeno l’Angola, quindi fanno bene a fare i lavori di meta vita, semmai è più facile vendere il San Marco e il San Giorgio. Rimane da completare i finanziamenti per le 10 fregate FREMM. Purtroppo c’è tanto da lavorare, bisogna pensare a una grande legge navale, i soldi sono sempre meno, quindi meglio programmare e bene!!!

  51. EZIO VINCIGUERRA dice:

    chissà se dopo il 2015 riusciremo ancora a galleggiare.
    Forse si: nella m….!

  52. Rita Caiazzo dice:

    Finalmente con gioioa vedo piu’ cionvogimento ”’Su muoviamo mare e monti. ”’Per i NOSTRI MARO””’ sosteniamo le loro famiglie ”avanti ..e di piu’ senza tregua ”’Vinceremo okkkk

  53. Salvatore Di Tucci dice:

    Quando finirà sta storia???

  54. Paola Moschetti Latorre dice:

    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *