17 marzo 1861 la Real Armata di Mare confluisce nella flotta della Regia Marina

di Antonio Cimmino

17-MARZO-1861 la real armata di mare confluisce nella regia marina italiana - www.lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

19 risposte a 17 marzo 1861 la Real Armata di Mare confluisce nella flotta della Regia Marina

  1. ITALO MONSELLATO dice:

    GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE.

  2. Franco Vetturini dice:

    Grazie Antonio.

  3. Salvatore Zito Presidente Gruppo ANMI Crotone dice:

    Grazie di Cuore.

  4. EZIO VINCIGUERRA dice:

    17 MARZO 1861.
    Chi erano Cavour, Mazzini, Garibaldi?
    Chi sono Renzi, Minotti, Di Paola?
    C’era una volta e adesso?

  5. Ester Martone dice:

    hanno fondato la giovine Italia

  6. Di Lorenzo Giuseppe dice:

    questi invece, oggi gli stanno tagliando le radici per farla essiccare.

  7. Comunardo Ivano Montanarella dice:

    Da questa tabella si evince che il sud Italia, o meglio il Regno delle due Sicilie, aveva una flotta degna di questo nome e un arsenale all’avanguardia. Il povero e piccolo regno sabaudo solo con una guerra di aggressione, appoggiata dalle potenze europee, a nostre spese, è riuscito a divenire regno d’Italia.

  8. Ester Martone dice:

    infatti è cosi stavamo meglio quanto stavamo peggio

  9. Comunardo Ivano Montanarella dice:

    Prima non stavamo peggio, Stabia era una città con industrie, terme, sedi consolari, con una costante presenza del re (c’era una reggia ….)

  10. Ester Martone dice:

    lo so stavo dicendo che sembrava che stessimo peggio ma forse stavamo meglio ma l’Europa e il nord ci ha schiacciato adesso spetta a noi costruire un nuovo sud ciao Montanariello

  11. Comunardo Ivano Montanarella dice:

    Ora cosa abbiamo? Tasse, disoccupazione, terme chiuse, stato di abbandono …..

  12. Ester Martone dice:

    purtroppo e cosi anche perche i cittadini e i politici e la mafia hanno governato questo paese salvando le poche persone oneste siamo tornati al dopoguerra bisogna cambiare rotta se no si va contro gli scogli ciao

  13. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 grazie per i commenti che parlano da soli come dall’unità d’Italia ad oggi abbiamo subito una lenta agonia (a parte il boom anni ’60) che chissà a quale deriva ci porterà. Un abbraccio a tutti.

  14. Carlo Gaetani dice:

    tutti sanno delle navi militari italiane cedute all’ URSS nell’immediato dopoguerra, la fine misteriosa dell’ex corazzata G.Cesare mi permetto un commento strettamente personale : Molto Strana mah non sò se tutti sono a conoscenza che negli anni ’70 vennero costruiti in Italia (Monfalcone) una serie di M/Cisterne da 70.000 t DWT in conto riparazione danni di guerra i nomi assegnati : G.Mazzini-G.Garibaldi -G.Bruno che ironia eh? ….

  15. Tommy Ortega dice:

    povera italia….

  16. Tommy Ortega dice:

    abbiamo anche regalato soldi ed altro a gheddafi e company, dopo quanto era stato fatto per loro, starde dighe ed altro… quando sarebbe stato meglio farle a casa nostra.

  17. Carlo Gaetani dice:

    Qualcuno li ha fatto anche il baciamano a quel Cammelaio-Beduino…..

  18. Tommy Ortega dice:

    Infatti. ..

  19. Silvana De Angelis dice:

    Noi non sappiamo come sarà il futuro, ma sappiamo che si costruisce con la consapevolezza di viverci un ottimo e speciale presente….BUON INIZIO SETTIMANA….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *