Dedicata ad un Marinaio

Pino Sammartano

Nave Palinuro (foto Pino Sammartano per www.lavocedelmarinaio.com) - CopiaNon ci si invola per volare, tra cavi e vele, non ci si invola.
Scelsi troppo celermente l’appiglio più incerto, fuori dal punto.
Non si vola tra le vele, ma si lasciano gonfiare, per volare tra le onde. Sarebbe stato un bell’immergersi nell’azzurro mare, ma il tek mi attendeva, lucido brillante e profumato d’oriente, ma inesorabilmente, inalterabile. Sentii l’odore caldo della mia vita, scivolare su quel tek luminoso, il profumo si confondeva. Il sole con il suo tepore, miscelava l’oriente e il futuro che andava fuoribordo,a colorare di innaturale, quell’acqua limpida.
Avevo dei progetti io, fischiare nel vento con quei suoni comprensibili a pochi, e i miei uomini che governano al mio comando. Avevo dei progetti io, solcare lunghe rotte con la regina, ne sarei stato lungamente il paggio, l’arredatore di scena. Era nei brami di tutti, nessuno maggior di me.
Gli eroi avranno nomi sulle poppe , Io non smaniavo cosi tanto, ma ora mi basta aver sposato la regina. E guarderò dal basso tek, che nessuno mi mandi via dal posto di monarca. Veglierò perché, nessun mai voli giù, e solo io ne sia il re.

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Navi, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

8 risposte a Dedicata ad un Marinaio

  1. Fabio Salvatore dice:

    onore ad alessandro .. io sono ex motorista .. ma la famiglia e una sola..chi non vola alto non puo cadere mai…

  2. Fabio Salvatore dice:

    molto commovente…. da ex marinaio .. oltretutto su nave vespucci .. sappiamo cosa e il mare il rischio l amicizia.. il dover fare…ad ogni costo… noi volontari siamo cosi……

  3. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Pino Sammartano è una bellissima dedica, fatta col cuore e limpida come il nostro mare

  4. Pino Sammartano dice:

    Se ti riferisci ad Alessandro Nasta non lo conoscevo, ma mi ha commosso la sua storia e il dolore della madre che giustamente non riesce a rassegnarsi alla perdita di un figlio ,nel girovagare in internet ero incappato in un articolo che parlava del caso e della madre inconsolabile . L’ ho scritta di getto con poche correzioni sono contento che sia stata gradita a molti ,anche se qualcuno si era soffermato più sulla vicinanza delle due navi orgoglio della nostra amata Marina .ciao e grazie.

  5. Marinaio di Lago dice:

    …è troppo bella. Mi hai commosso e, con tutta sincerità, penso che gli volevi un mare di bene. Un abbraccio e grazie.

  6. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Pino, proprio così anch’io scrissi a suo tempo di getto …è difficile rassegnarsi!

  7. Silvana De Angelis dice:

    La vita concede a ciascuno di noi rari momenti di pura felicità. A volte, solo pochi giorni o settimane. A volte, anni. Tutto dipende dalla fortuna. Il ricordo di quei momenti non ci abbandona mai e si trasforma in un paese della memoria a cui cerchiamo di fare ritorno per il resto della vita.

  8. Antonio Moccia dice:

    Srnzs parole questa è la bellezza della natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *