Giovanni Celeste, sommergibilista e sportivo

di Sergio Cavacece

Se a Messina dici “Giovanni Celeste” la gente ti risponde “campo di calcio”.
E’ vero, a Messina uno dei due stadi dove si gioca a calcio è intitolato a Giovanni Celeste.
Nato a Messina il 22 gennaio 1905, da giovane si dedica allo sport giocando nella locale società di calcio della U.S. Peloro, nel 1930 si laurea in Discipline Nautiche presso il Regio Istituto Superiore di Napoli.
Successivamente decide di intraprendere la carriera Militare entrando nella Regia Scuola C.R.E.M. (Corpi Reali Equipaggi Marittimi). Partecipa alla operazioni militari in Spagna e nel 1937, si sposa. La sua carriera militare continua e, come Ufficiale, si imbarcherà su numerose unità di superficie e subacquee, fino a quando nel 1942 subentra al comando del Regio sommergibile Toti in sostituzione del Capitano di Fregata Primo Longobardo, svolgendo numerose missioni di rifornimento tra la madre Patria e l’A.S.
Agli inizi del 1943 gli viene affidato il suo primo effettivo comando e a bordo del sommergibile FR 111 di preda bellica Francese viene destinato alla base di Augusta.
Al rientro dall’isola di Lampedusa, intorno alle ore 15,00 del 28 febbraio 1943, l’unità viene sottoposta a mitragliamento e bombardamento da parte di aerei nemici e nel giro di poco tempo il Sommergibile FR 111 con il suo Comandante e l’intero equipaggio affonda al largo del Capo Murro di Porco (Siracusa).
Il Comandante Tenente di Vascello Giovanni Celeste fu decorato con Medaglia d’Argento al Valor Militare, Medaglia di Bronzo al Valor Militare, Croce di Guerra, Medaglia commemorativa intervento in Spagna, Cavaliere della Corona d’Italia.
Nel 1948 su delibera del consiglio comunale di Messina, lo stadio di “Gazzi”, inaugurato nel 1932, venne intitolato a Giovanni Celeste.

Questo articolo è stato pubblicato in Curiosità, Marinai, Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

16 risposte a Giovanni Celeste, sommergibilista e sportivo

  1. STELLA PASQUALE dice:

    SAPPI CHE SUL QUEL CAMPO HO GIOCATO AL CALCIO, QUANDO IL TRANI ERA IN SERIE B, ANCORA A MESSINA HO DEI PARENTI AL VILLAGGIO DEL FANCIULLO OVE MIO ZIO,PADRE STELLA E’ STATO RETTORE PER 1O ANNI CIRCA . CONSIDERA INOLTRE CHE A 9 ANNI ERO DAI SALESIANI, CRISTO RE . PER 2 ANNI IN COLLEGIO, E CHE LA TRINACRIA, TUTT’ORA E’ PER ME LA SECONDA PATRIA. E’ LA PATRIA DI MOLTI MIEI, GIA’ SOLDATI ,OLTRE CHE DI MARINAI DEL VECCHIO COMANDANTE STELLA.UN SALUTO.

  2. Carlo Luigi Crea dice:

    Ciao Ezio Pancrazio Vinciguerra

  3. Francesco Iacono dice:

    Il vecchio caro stadio “Celeste”…

  4. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Un saluto a tutti e un ringraziamento a Sergio Cavacece che, da buon messinese ci ha fatto conoscere una storia al messinese e non solo. A proposito anch’io messinese di nascita non conoscevo la figura del sommergibilista sportivo Giovani Celeste.

  5. Sergio Cavacece dice:

    ahahahah….sei sempre un grande Ezio!!!

  6. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Sergio è bellissimo…non lo sapevo. Complimenti e ancora grazie.
    Un abbraccio

  7. Michele Bongiovanni dice:

    Ciao Ezio, nel mio diario, troverai tante cose interessanti, é un piacere conoscerti. A presto

  8. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buonasera Michele,
    grazie per avere accettato l’amicizia di questo “petulante” marinaio (ora in congedo) che ama la vita, la musica, scrivere e naturalmente il mare.
    Mi considero un emigrante di poppa siciliano. E Lei?

    Un abbraccio Ezio

  9. Michele Bongiovanni dice:

    Sei stato sveltissimo….io sono un ufficiale in congedo, sono sposato senza prole, anch’io sono siculo di Palermo e vivo a Padova da tanti anni. Si, sicuramente condivideremo tanti argomenti che ci accominano e consolideremo le nostre conoscenze. Dammi del tu e a presto. Ciao e buon pomeriggio.

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Grazie del Tu Michele. Allora costando che ambedue siamo siculi, marinai e emigranti mi permetto solo di aggiungere una frase a noi tanto cara:
    Marinai di una volta, marinai per sempre!
    Un abbraccio

  11. GIOVANNA NOCETTI dice:

    Grazie Pancrazio. Un abbraccio caloroso a te e a tutti i Marinai d’Italia. Come tu saprai, mio padre era un marò e dunque, il mio cuore è sempre rivolto verso l’orizzonte. Giò

  12. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Giovanna permettimi di presentarti ai nostri amici marinaie/marinai anche se molti di noi ti conoscono per quella bravissima, pregiatissima artista che ci ha delizia con le sue canzoni e che molti chiamano semplicemente “GIOVANNA”.
    Non mi avevi mai detto che tuo papà fosse stato marinaio…neanche quella volta che ci siamo esibiti nel lontano 1983 a Santa Rosa davanti a un pubblico di marinai. Grazie Giovanna, grazie marinaia per sempre e questo vale anche per te.

  13. Michele Bongiovanni dice:

    Scusami, ho omesso che sono un ex U dell’EI, e comunque ho cooperato con la marina in moltissime attività…..un abbraccio!

  14. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 Ciao Giovanni …allora vale lo stesso io per esempio sono stato un marinaio imbarcato su Nave Alpino (dove ci ho lasciato un pezzo di cuore) e ogni anno vengo / veniamo invitato/ i da loro per la tradizionale festa. Un abbraccio

  15. Francesco Foti dice:

    viva la marina militare italiana

  16. Collegio Capitani Napoli dice:

    grazie Ezio per aver condiviso questo importante ricordo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *