La crociera delle stelle

di Roberta – ammiraglia88
http://www.mondovespucci.com

Partenza dal porto di Trieste! Si sa, Trieste è famosa per la Bora, un forte vento, che non giova alle enormi navi da crociera. L’intenso vento che, eccezionalmente, soffiava nella mia città pochi giorni prima della partenza mi ricordava la Bora e quindi l’imminente partenza. Stavo per salpare verso: Ancona, Dubrovnik, Corfù, Argostoli/Cefalonia, Kotor/Cattaro, Spalato. Mi incuriosiva soprattutto Kotor in Montenegro. La si raggiunge navigando in un fiordo per circa due ore. Un acquazzone ci ha accolti alle Bocche di Cattaro, abbandonandoci mano, a mano, che la navigazione procedeva. Descrivere compiutamente il fiordo è impossibile, quel tratto di mare è spettacolare, si passa da uno stretto ad un grande lago, poi un nuovo stretto e un altro lago e di nuovo un altro stretto con un altro lago. Si è circondati da montagne spesso brulle, alte e sovrastanti dei piccoli villaggi posti in riva al mare. La città fortificata di Kotor, ben difesa alla fine del fiordo, è molto carina. Offre una serie di scorci caratteristici, tante case ben curate, situate all’interno delle altre mura, ben collocate, e in cui si gira tranquillamente a piedi in più, e meno, larghe vie. Qualche vicolo ogni tanto nasconde una scalinata, protetta da una ringhiera in ferro lavorato, che conduce ad un minuscolo terrazzo abbellito con vasi di fiori variopinti. Alzando gli occhi si scorge l’alta aspra montagna con la grande muraglia che sovrasta e difende il territorio della città. Nel pomeriggio si è alzato un vento forte, che ha raggiunto i 67 km/h e ha ritardato di circa due ore l’attraversata. Siamo salpati che ormai era notte, ma questo non ci ha impedito di poter ammirare comunque le coste, svelate  dalle tenui luci accese delle abitazioni e del lungomare.
Approdati a Cefalonia mi sono imbattuta nella bellezza del villaggio di Assos. E’ apparso all’improvviso, visto dall’alto:  posto su una stretta lingua di terra che collega una specie di piccola isola al resto di quella grande che è Cefalonia. Il villaggio, molto piccolo ed abitato da sole 64 persone, offre lo spettacolo di una piccola baia molto seducente ed unica, con acqua limpidissima e fondali puliti. Singolare è anche la grotta, che si raggiunge attraversando con la barca a remi un piccolo lago, in alcuni punti molto profondo, che cambia colore a seconda delle ore del giorno. Una parte della copertura della grotta è crollata e lascia intravedere il cielo, permettendo ai raggi del sole di penetrare all’interno ed illuminare in modo disuguale e caratteristico quell’acqua blu. Non poteva mancare, prima di rientrare a bordo, una visita al monumento ai Caduti dell’eccidio di Cefalonia.
Giunti a Dubrovnik è stato molto interessante invece passeggiare sulle mura che circondano la città, vedere i tetti e gli stretti vicoli della cittadina e rendersi conto dell’imponenza delle mura e della loro altezza … che visuale da lassù! La visita al museo marittimo invece mi ha un po’ delusa; un’ampia sala raccoglieva tutto.
Ancona invece si è presentata particolarmente interessante fin da subito. Dopo un giro a piedi verso il centro abbiamo raggiunto la cattedrale. Da quel punto così in alto, oltre al fantastico mare non poteva sfuggirmi la veduta sul cantiere navale. La mia vista faceva fatica a staccarsi da quel bellissimo panorama: finalmente potevo ammirare il famoso cantiere in cui erano anche presenti navi in costruzione … luce per i miei occhi!
Spalato è molto particolare, ricca ed attraente, un’altra cittadina fortificata. Uno spettacolo!
Rientrata a bordo, mi sono concessa un attimo di relax su una sdraio continuando ad ammirare il panorama incantata da quel mare che mi appariva … blu punteggiato di bianco!
Al rientro, a Trieste, dentro le ostruzioni del porto, il mare sembrava inquinato da borse di nylon come quelle che si usano per fare la spesa. Osservando attentamente, incredula, ho notato che si trattava invece di una folta colonia di meduse. Due compagni di viaggio triestini  mi hanno confermato che la Bora, pur creando innegabili disagi, permette anche una ottima pulizia del mare e il prolificarsi di meduse e mitili.
Un’ultima considerazione: in crociera non si rimane incantati solo dal mare! Nel girovagare sui ponti esterni di sera, alzando gli occhi al cielo, si resta affascinati dallo spettacolo della volta celeste. Questa volta, per la prima volta, volevo individuare in particolare la Stella Polare e il Carro dell’Orsa Maggiore. Cercavo un “carro” di dimensioni ridotte, come quello che vedo spesso da casa, circondata dalle montagne. Non riuscivo perciò a vederlo, perché … era enorme! Ho esitato un po’, incredula, non mi sembrava possibile che fosse così grande! Eppure era lui: il Carro dell’Orsa Maggiore che dominava l’immenso mare.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Recensioni. Permalink.

22 risposte a La crociera delle stelle

  1. Grazie Ezio.
    Sei sempre attento e sensibile verso le nostre parole, più o meno, in libertà!

    Buon vento al nostro marinaio e alla sua voce che naviga veloce, solcando i mari del web.

  2. Enzo Bove dice:

    BUONGIORNO e buona giornata a tutti oggi di corsa ma presente, buon proseguo senza rima e poesia, la mente è impegnata da tre giorni pazzi e altri peggio, ma mai fermarsi, arriverà anche la tranquillità e la serenità della mente come il bel racconto di Roberta. Complimenti

  3. Rina Martone dice:

    che la melodia del cielo e del mare che ti avvolge in un mantello di dolcezza cara Roberta bella armoniosa giornata kissssss

  4. Marinaio di lago dice:

    GRAZIE AI SOGNI SI VIVE MEGLIO E SOGNARE NON SI PAGA, NON SI TASSA E NON CI COSTA NIENTE E’ GRATIS

  5. Marinaio Telegrafista dice:

    BUONGIORNO, buona giornata a tutti e buon proseguo, il pensiero e la mente è vicina a voi,

  6. Lupo di Mare dice:

    ogni qualvolta che la distolgo dagli impegni quotidiani, mi arricchite, mi piace.

  7. Danny dice:

    vivere nella fantasia ti sgrava dal peso della realtà e vagando con la mente in sogni celestiali

  8. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Roberta, cota pelata e magnata.
    E’ un racconto bellissimo che speriamo venga letto dai nostri amici.
    Hai il mare e tanto sale dentro…ma ti manca una cosa. Che cosa?
    Un abbraccio forte forte al cuore senza farti male.
    Ezio

  9. Roberta Ammiraglia88 dice:

    Belle parole, grazie! Messaggio arrivato, compreso l’abbraccio forte forte al cuore che però non fa male 😉

    Ciao ciao
    http://www.mondovespucci.com
    http://www.ammiraglia88.it

  10. Franco La Rosa dice:

    Grazie, sopratutto x quelli che sono in cielo.

  11. NINO BUCCI dice:

    FELICISSIMO DI ESSERE CON VOI!

  12. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buonasera Nino Bucci, sono certo che troverai altri Frà in questa navigazione virtuale. Un abbraccio

  13. EZIO VINCIGUERRA dice:

    grazie a Roberta Ammiraglia per averci fatto sognare le stelle, un marinaio emigrante di poppa
    Ti seguirei oltre l’ultima frontiera proprio come il comandante Kirk dell’Enterprise. Grazie

  14. EZIO VINCIGUERRA
    5 febbraio 2013 – 16:41

    grazie a Roberta Ammiraglia per averci fatto sognare le stelle, un marinaio emigrante di poppa
    Ti seguirei oltre l’ultima frontiera proprio come il comandante Kirk dell’Enterprise. Grazie

    Quando è pronta la nave per salpare? 😉

  15. Silvana De Angelis dice:

    e la vita in fondo è un lungo viaggio……chi si ferma è perduto, perciò guardare sempre avanti…Qualsiasi cosa sia successa ieri, qualunque possa succedere oggi, la parte più importante del tuo viaggio sarà quella che verrà…….e il nostro augurio che sia un viaggio tra le stelle….

  16. SIMBA IL MARINAIO dice:

    Le cose più belle del mondo
    Non possono essere viste e nemmeno toccate
    Bisogna sentirle con il cuore ..

  17. EZIO VINCIGUERRA dice:

    …e sicuramente una di questa è l’amicizia.
    Un caloroso buongiorno a tutti.

  18. Silvana De Angelis dice:

    mai dire mai nella vita…..puo’ accedere di tutto!!!!!

  19. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Silvana è proprio così anche per l’emigrante di poppa

  20. Salvatore Spoto dice:

    Amo il mare al tramonto. Mi ricorda il divenire della vita
    con il volo del gabbiano che unisce presente e passato
    mentre il sole si diverte a dare pennellate di fuoco al cielo facendolo arrossire

  21. Spina Dorsale dice:

    Sono colori incantevoli quelle delle stelle. Complimenti

  22. Brezza di Mare dice:

    Avete mai provato ad instaurare un dialogo con il mare? E’ una magia che ti sconvolge ogni volta, è una interazione fra dimensioni diverse. Spesso ci si trova in possesso di un cumulo di risposte senza domande o domande senza risposte ma con la sensazione di non essere un semplice interlocutore, ma un amico del mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *