Armando Traetta il marinaio ambientalista

di Antonio Cimmino

Armando Traetta cittadino di Castellammare di Stabia, Capitano del Genio Navale, decorato con Medaglia d’Argento al Valor Militare con la seguente motivazione:
“Imbarcato su incrociatore, colpito da sommergibile nemico, penetrava ripetutamente nel locale in preda all’incendio per allagare il deposito munizioni. Semiasfissiato, accorreva con rischio della vita in aiuto ad altri” (Mediterraneo Centrale, 13 agosto 1942).
Quale Direttore di Macchina sul cacciatorpediniere Freccia, fu insignito di Medaglia di Bronzo al Valor Militare con la seguente motivazione:
“…dopo bombardamento aereo, interveniva in locale caldaie per spegnere l’incendio e si prodigava nella ricerca e trasporto dei feriti” (3 agosto 1943).
E’ stato stimato ingegnere nel cantiere navale di Castellammare di Stabia, nonché antesignano del movimento ambientalista della città.

Questo articolo è stato pubblicato in C'era una volta un arsenale che costruiva navi, Marinai, Navi, Racconti, Recensioni. Permalink.

Una risposta a Armando Traetta il marinaio ambientalista

  1. martina dice:

    wow armando era proprio un mito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *