Porgi l’altra guancia

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Seduto di fronte ad un castello fatto di fantasie e verità dentro una bugia, sono assente perché mi manca il respiro per i giorni che verranno. Con animo e coraggio dovrò affrontare altri orizzonti e alti mari. La buona notizia è che forse non salperò più per il Corno e ne per i Golfi infestati da squali, ma all’orizzonte si profilano sempre e solo giorni da combattere contro uomini senza anime e macchinari con voglia di diventare umani.
E’ l’epoca del quaternario, dei computer, dei chips e dell’algebra di Boyle. Non è più tempo delle fantasie e i poeti non ritorneranno più. Ormai anche le navi sono diventate robot e solo chi vive a bordo capisce come è fredda una notte senza l’abbraccio di un Dio presente.
Guardo avanti ma anche al passato e vedo tanti amici che vorrebbero scappare via da una vita intensa, a volte anche piena di illusioni, delusioni…emigranti di poppa.
Qualcuno mi ha detto: “meno male che vai via”, qualcun altro  mi ha detto di rimanere. Chissà chi di loro aveva ragione. Viviamo nell’epoca dove contano di più le amicizie che i talenti, un mondo sovraffollato dai più furbi a discapito dei più onesti che resistono.
Ho voglia di ritornare indietro, si indietro,  laddove c’è ancora l’opportunità di adattarsi, almeno nel ricordo dei sogni. La realtà odierna è solo un veleno pieno di  angosce in questa Patria che non riconosce più i propri figli.
Mi hanno insegnato da sempre che il Popolo è sovrano, almeno così c’è scritto nella Costituzione Italiana e che siamo una Repubblica fondata sul lavoro ma vedo in giro solo disoccupazione e crisi.
Mi hanno insegnato che ci vuole tanta buona volontà e che poi il resto veniva da se: casa, lavoro, istruzione, Dio, devozione, solidarietà verso i più umili, famiglia e figli.
Ecco cosa ci hanno insegnato a scuola e in famiglia, ecco cosa hanno predicato enti ed istituzioni morali, civili e religiosi.
Chissà se  siamo nell’era giusta, chissà se nell’era della globalizzazione siamo nel giusto, chissà se c’è ancora il tempo e la voglia di porgere l’altra guancia.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Sociale e Solidarietà. Permalink.

23 risposte a Porgi l’altra guancia

  1. Michele Ricciardi dice:

    ciao Ezio grazie del gentile pensiero e che Dio conservi tutti noi. un fortissimo abbraccio Michele.
    p.s. Una volta marinai, marinai per sempre!

  2. Marinaio di Lago dice:

    Ezio la vita per noi marinai rappresenta qualcosa di grande ed immortale, per noi marinai di una volta.

  3. Ascanio Boragine dice:

    grazie fratello…

  4. Franz Michele dice:

    Grazie! Sempre saggio e poetico! Ed è sempre un piacere spolverare ricordi di persone speciali conosciute un tempo oramai lontano… Un caro saluto, Michele

  5. Marinaio Telegrafista dice:

    Ciao Ezio ho letto con attenzione e per un momento sono balzato dalla sedia… ti ho inviato anche un messaggio personale. Secondo me dovresti creare una raccolta oppure scrivere un altro libro. Un abbraccio

  6. Luigi Caravella dice:

    grazie di tutto

  7. Giuliano Bonaldi dice:

    Ciao Ezio,
    e speriamo sia un anno migliore per tutti noi .

  8. Marino Miccoli dice:

    Ezio, condivido le tue riflessioni amare e veritiere e davanti a tutto il marcio che c’è al giorno d’oggi mi domando se sono io a vedere le cose in maniera strana e diversa o se è tutto il resto che gira all’incontrario!

  9. Maria Carla Torturu dice:

    …mettiamola così : ti mando un sorriso, ahime robotico e virtuale, per ricordarti che la poesia non muore, come non muoiono i talenti, come hanno ancora senso le cose che hai scritto e che leggo con piacere. Se maneggio qualcosa di prezioso, tipo un oggetto d’argento, devo prima appannarlo e poi lucidarlo per vederlo brillare, forse tutto si offusca in talune epoche e momenti proprio per vivere ed apprezzare successivamente un mondo più limpido e luminoso …….

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 Ciao Maria Carla e ciao Marino,
    grazie per l’incoraggiamento.
    Ho scritto la nota pensando a una risposta di Giuliano Collalti sul post di Enzo Arena. La cosa che mi fa arrabbiare di più, in questo mondo globale votato alla videocrazia sfrenata, è la mercificazione degli umani sentimenti che ha invaso anche altri settori (nel senso che ormai tutto deve avere un prezzo, a volta esagerato, anche quando finisce un amore leggasi querelle berlusclario …esagerare per farsi notare,mah

  11. Giuliano Collalti dice:

    sei in Gamba e lo Sai; e fortunatamente hai la sana modestia dei forti per non approfittarTene. dico sempre che il Cane Chiwawa come Ci vede abbaia sempre e fà casino per paura; il Mastino Napoletano (che sà di…. sapere…) quando Ci guarda ….non fa una piega….

  12. Alfiero Peruzzi dice:

    Un abbraccio Ezio.

  13. Riccardo Chen Lazzeri dice:

    se non ti dispiace la metto anche sulla mia pagina……citando la fonte: siamo in sintonia perfetta, peccato che non sei femmina e bionda :-))

  14. Riccardo Chen Lazzeri dice:

    …mai dire mai fratello Chen. In questo periodo il buco è la cosa più preziosa che possediamo ma quello di dietro non basta più ed allora vai con la chirurgia alternativa 😉

  15. Enea Remo dice:

    ho messo- mi piace -perchè è la risposta che volevo darti io, in fondo,in fondo anche nello schifo si intravede ,(come si dice ultimamente)una fioca luce

  16. Toty Donno dice:

    Dedicato a chi crede nei propri ideali, a chi nella sofferenza riesce a rialzarsi e a chi non c’è la fa. Dedicato a chi ogni giorno la vita lo mette alla prova, a chi di prove non ne ha mai avute. A chi nonostante tutto, non si piega e tanto meno si spezza. Dedicato a chi, non per colpa sua perde il sorriso e a chi riesce a ridarglielo. Dedicato a te….

  17. Giulia Magrini dice:

    grazie mille ezio!!!!

  18. Claudia Saraceno dice:

    Sempre sentiti e accorati i tuoi articoli….sempre un piacere leggerli….grazie!

  19. Giovanni Caruso dice:

    Ma che accade in questo mondo
    sembra un altro mondo
    che ci fa paura
    che ci fa tremare
    cosa accade
    dentro in fondo a noi
    batte ancora il cuore
    o è già morto ormai
    questa sete di potere
    di potere e denaro
    un destino troppo amaro.

    (“Rinascimento” – Gianni Bella-Mogol-Gianni Morandi)

  20. Alex Angeli dice:

    grazie mille ezio per i meravigliosi articoli

  21. Giovanni Colla dice:

    grazie Ezio, che Dio ti ascolti e che tutti Noi possiamo godere della Sua benevolenza. conservo di Te i migliori ricordi del periodo trascorso insieme, anche i miei genitori Ti ricordano e ne hanno nostalgia. Ti abbraccio con tanto affetto e stima.
    P.S.: una volta Marinai, Marinai per sempre!

  22. Marinaio Di Lago dice:

    Poi di onestà intellettuale,non ve ne uno/a che si metta in politica x il bene comune.Solo interessi personali.

  23. Marinaio Telegrafista dice:

    … la politica è civiltà e anche altro,come ad esempio ”economia individuale che poi diventa bene da condividere,posti di lavoro oppure futuro e tecnologia al servizio dei cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *