Emigrante di poppa ex sommergibilista

di Enzo Rago

Buongiorno a te Ezio,
grazie per il tuo bellissimo libro che ho letto tutto d’un fiato e per avermi onorato della tua amicizia. Sono un “vecchio” lupo di mare, ho navigato per 5 anni a bordo del sommergibile E. Torricelli negli anni sessanta, e porto in me tutti i ricordi di quel, se pur breve, periodo di vita da marinaio.
Anche io, come te, amo la vita e la musica, il mare purtroppo sono stato costretto a metterlo da parte, ma non per questo non lo amo, anzi, ogni volta che incontro marinai, sia di persona che virtualmente, mi lascio andare ai vecchi ricordi e mi piace confrontarmi con la vita da marinaio di oggi per capire il cambiamento rispetto a ieri.
Mi duole solamente non poter partecipare a qualche associazione di marinai d’Italia, visto che dove vivo non esiste alcuna sezione (mi trovo in Basilicata e precisamente a Venosa in provincia di Potenza).
Certamente, essendo appena salpati e considerato che la navigazione sarà molto lunga, avremo certamente tutto il tempo per poter consolidare la nostra conoscenza e sperare di diventare amici non solo virtualmente.
Un caro saluto Enzo

Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Emigrante di poppa, Marinai, Navi, Racconti, Recensioni. Permalink.

6 risposte a Emigrante di poppa ex sommergibilista

  1. Mario Carapucci dice:

    Ezio,buon giorno.

  2. Franco Schinardi dice:

    Ottime parole Ezio

  3. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Grazie ammiraglio Franco Schinardi …marinai di una volta, marinai per sempre!

  4. Pier Luigi Dettori dice:

    buon sabato Ezio

  5. Carlo Luigi Crea dice:

    Buon giorno a tutto il Gruppo.

  6. Toty Donno dice:

    Se penso alla vita immagino una scacchiera, sulla quale puoi decidere tu chi essere: pedina, cavallo, torre, alfiere, re o regina. Ricordati però che se decidi di vivere da pedina, potrai muoverti solo di un solo passo alla volta in una direzione obbligata, e questo ti toglierà la possibilità di poter spaziare col corpo e con la mente, e resterai incatenato nel tuo io. Scegli sempre di puntare a diventare re o regina, passando anche per i ruoli intermedi di alfiere, torre, cavallo, osa, vivi fino in fondo la tua vita, solo così, anche se non tutti lo comprenderanno, avrai fatto il tuo “scacco matto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *