Monumento ai caduti del Velella

(foto Michele Striamo)

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Marinai, Navi, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

10 risposte a Monumento ai caduti del Velella

  1. Michele Striamo dice:

    ciao Ezio come va? La settimana scorsa sono stato in vacanza a Punta Licosa e guarda cosa ho trovato…una lapide in ricordo dell’equipaggio del Smg Velella affondato il 7 settembre del 1943 un giorno prima dell’armistizio. Il relitto si trova a circa 7 miglia a largo di punta licosa, ho parlato con i pescatori della zona e dicono che giace ad una profondità di circa 120 130 mt.. La lapide si trova all’interno della tenuta di Punta Licosa e quindi non è visibile a tutti mentre il molo del porto di San Marco di Castellabate è dedicato al Smg Velella. ti allego foto della lapide
    saluti
    Michele

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Grazie Michele di questa bellissima testimonianza. Ho pubblicato tantissimo sul Velella e penso che lo rifarò prestissimo aggiungendo e citando questa tua stupenda immagine.
    Ci manca solo un abbraccio.
    Ezio

  3. Michele Striamo dice:

    ok Ezio se hai bisogno di altro materiale sono a tua disposizione. Molta gente del posto pensa che ci possano essere ancora cadaveri a bordo soprattutto nei compartimenti stagni del smg. Non so fino a che punto possa essere vero però a differenza di altri relitti il recupero del Velella non appare cosa difficile….saluti

  4. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Michele carissimo sai che per te c’è sempre una pagina in bianco sul nostro blog. Ti aspettiamo Maresciallo acidissimo.
    Un abbraccio

  5. Michele Striamo dice:

    acidooooooooooooooo

    acidissimo diamoci dentro con il velella

  6. Francesco Garruba dice:

    Credo che non ci sia tomba migliore. L’importante è non dimenticare a te un abbraccio

  7. Bruno V. Bardelli dice:

    Sempre onore!!!!

  8. Onorio De Falco dice:

    Onore a veri Italiani

  9. Massimo La Rocca dice:

    Il Velella sarebbe da recuperare!

  10. DONATO POTO dice:

    sono il genitore di due bambine che frequentano IC G.Salvemini di Battipaglia (SA) il cui plesso è intitolato ai Caduti del Velella. Oltre ad una bella lapide che ne ricorda l’episodio ho il dubbio che tutti siano all’oscuro della vicenda. Navigando sul web sono venuto a conoscenza della rivista La voce del marinaio e mi sono chiesto come sensibilizzare docenti, alunni e genitori del triste episodio del Velella. Suggerimenti sono graditi. Sono un marinaio. anch’io,battaglione San Marco.Un saluto affettuoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *