Il comandante e il leader

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

…ovvero marinaio o marinaretto?

Il comandante è ritenuto uomo d’alto contenuto, riesce a distruggere il nemico, lo annienta, rientra in sede acclamato dalla nazione per la vittoria. I suoi uomini lo riconoscono come tale, ed eseguono quanto egli richiede sul luogo del combattimento. Il comandante esercita sulla truppa un ruolo fondamentale ed importante: il comando. Tale incarico viene dato da chi è più alto in ruolo, ed il comandante non esegue altro che ordini, deve necessariamente capire come impartirli e definirli.
Il leader guarda da lontano, non ha un ruolo ben definito all’interno di una gerarchia. Il leader conferisce autonomamente in sé tutti i comandi e le strategie necessarie per portare a casa la vittoria. Non avendo incarico ufficiale non è altrettanto riconosciuto. La forza del leader sta nel successo con cui si propone, la vittoria la ottiene senza impartire ordini, ma con lungimiranza riesce a governare senza impartire ordini.
Tu sei leader o comandante, marinaio o marinaretto?

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Racconti, Recensioni. Permalink.

9 risposte a Il comandante e il leader

  1. Salvatore Pugliese Clara Costabile dice:

    buongiorno a tutti i Frà di mare

  2. Marino miccoli dice:

    Questo scritto induce a molte riflessioni, in un epoca come quella attuale dove di veri autentici comandanti, con gli attributi, ve ne sono ben pochi.
    Molte persone non sono, almeno ufficialmente, dei comandanti ma con la loro esperienze e soprattutto con le loro azioni lo sono nei fatti, sono cioè dei leader.
    Al proposito ricordo quanto affermava mio padre che era un maresciallo capocannoniere della Regia Marina, ovvero che in mare, sulla nave, tre sono le persone (leaders) che contano: il Nostromo (Capo dei novcchieri), il Capocannoniere e il Comandante in seconda!

  3. Antonio Caputo dice:

    Precisiamo caro Ezio, noi siamo Marinai …per sempre (quelli veri) mentre il resto dell’Italia è piena di marinaretti e con questo termine non facciamo riferimento a quei ragazzi che nel ventennio, invece di fare il balilla chiedevano di diventare “Marinaretti”. Per loro ho il massimo rispetto. Liberi subito

  4. Antonio Caputo dice:

    riaggiornare le udienze: conosciamo bene questo termine!!

  5. Angela Guida dice:

    Non puoi scoprire nuovi oceani fino a quando non hai il coraggio di perdere di vista la spiaggia.

  6. Lazzaro Mangia dice:

    Ciao Ezio

  7. Vito Verde dice:

    Io continuo a fare il …marinaio. Vito

  8. Giovanni Barbuzi dice:

    Grazie Mille Ezio.
    Cmq devo dirti che il passato per me è sempre passato, nn sono tipo da guardarsi dietro; per fortuna la vita continua sempre, ed io non sono un tipo che si arrende “Mai”.

  9. Michele Cassisa dice:

    Meraviglioso e speciale. Io sono marinaio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *