L’arcobaleno, il sentiero della dea Iris

di  Carlo Di Nitto


L’arcobaleno, il sentiero della dea Iris, la divina messaggera, figlia di Taumante, divinità marina, e di Elettra, ninfa oceanina, figlia del titano Oceano.
I poeti dicevano che Iris era veloce come il vento e che l’arcobaleno era la traccia lasciata dai suoi leggiadri piedi quando scendeva dall’Olimpo verso la terra per portare un messaggio.
La dea poteva scendere anche in fondo al mare e nelle profondità del mondo sotterraneo.
Nel mondo classico Iris era rappresentata sotto forma di una giovane donna, con un’aureola dei colori dell’arcobaleno.

Questa voce è stata pubblicata in Curiosità, Racconti, Recensioni. Contrassegna il permalink.

9 risposte a L’arcobaleno, il sentiero della dea Iris

  1. Renato Comizio scrive:

    GRAZIE DOTT. CARLO !!!!

  2. Marco Ximenes scrive:

    Grazie Carlo e buona domenica.

  3. Ornella Aimone scrive:

    Bellissima Carlo!

  4. Luisa e Lillo scrive:

    ‎..un altro pezzo di storia che grazie a te conosciamo.Grazie Carlo ..un abbraccio!

  5. Antonio Melis scrive:

    Grazie infinite Carlo Buona Domenica :=)

  6. Giorgio Mancini scrive:

    Grazie del pensiero Carlo

  7. Joseph Gorgone scrive:

    Carlo come sempre apprezzo ciò che condividi con noi e l’accuratezza delle informazioni che li accompagna, sei grande anche se come me sei piccolo di statura! Ciao un abbraccio.

  8. Nicola Cossu scrive:

    Grazie Carlo grazie per i
    Tuoi pezzetti di storia

  9. Carmela Picheca scrive:

    Non molto. Davvero non molto conta. Alla fine della giornata, se hai sorriso più di quanto ti sei accigliato, se hai riso più di quanto hai pianto, se hai detto alla tua famiglia e ai tuoi amici che li ami, se ti sei divertito parecchio facendo quello che fai per vivere, allora è stata una buona giornata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>