Titanic la nave dei sogni

di Manuel Muttarini (*)
www.titaniclegend.it

Oggi questa frase potrebbe risultare banale, ma per il 1912 era l’equivalente dell’attuale Queen Mary 2. Il Titanic come la sua gemella Olympic, e la Britannic erano state costruite dalla White Star Line per competere con la rivale, Cunard Line (altra compagnia navale). Era senza dubbio il miglior modo per fare una traversata oceanica a bordo del transatlantico più lussuoso del mondo.
Costruito presso i cantieri di Harland and Wolff di Belfast. Il progetto era stato realizzato da Thomas Andrews e da William Pirrie. Lo sviluppò richiese dal 1909 al 1912, tantè che i passeggeri al giorno dell’imbarco sentirono persino, il “profumo” di vernice fresca.
Il motore era composto da 29 caldaie con una propulsione a vapore, ( a differenza delle altre imbarcazioni che andavano a diesel ) consumavano più di 700 tonnellate di carbone al giorno e con i suoi 51.000 cavalli, era il transatlantico più veloce al mondo, capace di raggiungere i 23 nodi, all’incirca 43 km/h. Pesava 46.000 tonnellate, per un’altezza di 52 m e una larghezza di 28 m e una lunghezza di 269m.
Il Titanic era definito “inaffondabile”, grazie alla sua chiglia dotata di un doppio fondo cellulare, inoltre lo scafo era suddiviso in 16 porte stage che potevano essere chiuse anche dalla cabina di comando, con l’utilizzo della corrente elettrica.
Ospitava ben 2.223 persone oltre alle 900 dell’equipaggio suddivisi tra camerieri, marinai ecc.

(*)Manuel Muttarini è da sempre un appassionato del Titanic. Fin dalla tenera età ad oggi, ha letto diversi libri sia Italiani che Inglesi. Con l’avvento di Internet è riuscito a colmare il suo interesse, scoprendo numerosi documenti inerenti al naufragio. Oltre al Titanic, Manuel Muttarini è un grande appassionato di videogiochi. Ha condotto un’intera stagione del programma televisivo “Futur@”;, assieme a Massimo Carboni e Noemi Giunta nel 2000. Dal 2000 al 2002 si è occupato della sezione “Games” di oltreilgol.it
Ha collaborato con altri siti, tra cui Internet-television.it di Giorgio Cajati. Scrive sul sito www.ayrion.it nella sezione “Games”, collaborando con il suo amico Massimo Carboni e, da oggi, anche su lavocedelmarinaio.com

Questo articolo è stato pubblicato in Navi, Recensioni, Storia. Permalink.

17 risposte a Titanic la nave dei sogni

  1. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao amici del marinaio quello a cui faccio riferimento è un bel sito.
    Sul Titanic, con l’aiuto di Manuel Muttarini, a presto pubblicherò a presto tante altre storie su questa sfortunata pagina di storia della marineria.
    Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

  2. MATILDE SOTTILE dice:

    Ciao Ezio,
    ….Buona Domenica e ben arrivato Manuel!!

  3. Francesco Garruba dice:

    Grande Ezio, attendiamo con ansia. Un abbraccio

  4. Paolo Francavilla dice:

    Buon vento a te Ezio e grazie Manuel.

  5. Mikele Tocci dice:

    ciao Ezio buona domenica a te e felice giornata anche a Manuel. ♥

  6. Manuel Muttarini dice:

    Buona Domenica a tutti voi e grazie mille per la presentazione! 🙂

  7. Gavino Leone dice:

    Un caro saluto a tutti e un benvenuto a Manuel.

  8. Giuseppe Orlando dice:

    Bellissima nave che ha gioito poco e sofferto tanto

  9. Francesco Montanariello dice:

    Benvenuto a Bordo.-

  10. Domenico Freddi dice:

    Mi piace nel prossimo metti qualche foto d epoca?

  11. Michele Profeta dice:

    grazie a tutti.

  12. G. Cicala dice:

    Manuel bell’articolo e buona navigazione…

  13. Manuele Alba dice:

    ‎:) Grazie Ezio, son certo che sarà una proficua collaborazione fra voi: Ho visitato il sito di Manuel e lo trovato essenziale ed interessante. Un abbraccio e vento in poppa a tutti

  14. Francesco Martellini dice:

    Ben arrivato Manuel
    Mare calmo, vento in poppa….

  15. Giuseppe Sciuto dice:

    che grande che sei.
    Questo vuol dire essere marinaio…
    Complimenti Manuel

  16. Vincenzo Licari dice:

    momenti da non dimenticare maiiii

  17. Matteo Scibilia dice:

    Bell’articolo e bel sito

    Grazie, Manuel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *