Non esistono mali minori

di Antonella Poeta

C’era una volta un eremita così perfetto che aveva già un piede in Paradiso.
Viveva di quasi niente in una grotta scavata nei fianchi di una montagna verde dove raccoglieva frutti selvatici, bacche e qualche radice per il pranzo della domenica.
“Come posso tentarlo?”, si chiedeva continuamente il diavolo.
Lo spiava, fiutava le sue impronte, lo esaminava dalla testa ai piedi per trovare il minimo punto debole. Niente. Pestava i piedi, si arrabbiava, imprecava. Finché decise di passare all’attacco diretto.
Si presentò all’eremita, che stava rammollendo un pezzo di pane raffermo nell’acqua della sorgente.
“Salve”, gli disse Satana. “Sai chi sono io?”.
“Il diavolo”, rispose tranquillamente l’eremita.
“Dio mi ha dato il permesso di tentarti. Vorrei che tu commettessi un peccato grave”.
“Parla”, disse l’eremita. “Ti ascolto”.
“Assassina qualcuno”.
“No. E fuori discussione”.
“Allora assai una donna”.
“E’ una cosa bestiale e disgustosa. Non lo farò mai. Vattene, diavolo. Non hai fantasia”.
“Almeno bevi un sorso di vino. Non è neanche un peccato. Accontentami”.
L’eremita sospirò: “Va bene. Un sorso non è nulla di male”.
Immediatamente gli comparve tra le mani una brocca di vino fresco e frizzante. Ne bevve un sorso. Prese fiato e ne bevve un altro.
“Uhm”, disse. “E’ gradevole”. Bevve un altro lungo sorso e disse: “E’ forte… E’ diabolico!”.
Cominciò a ridere stupidamente. Poi riprese a bere, malfermo sulle ginocchia.
Una ragazzina saliva per il sentiero.
“Buongiorno sant’uomo”, disse. “Ti ho portato qualche mela e del pane”.
Ululando, con gli occhi annebbiati, l’eremita afferrò la ragazzina per i capelli e la sbatté a terra. La poverina urlò con tutte le sue forze. Suo padre, che lavorava nei campi, la udì e accorse. L’eremita vedendo arrivare l’uomo afferrò una grossa pietra e lo colpì con tulle le sue forze.
Quando ritornò in sé, l’eremita vide l’uomo che giaceva ai suoi piedi in un lago di sangue.
“Credo che sia morto”, disse Satana, con aria virtuosa. Raccolse un fiore e se lo mise in bocca.
L’eremita si gettò in ginocchio inorridito: “Signore Dio, che cosa ho fatto?”.
Il diavolo rispose: “Di tre mali hai scelto il minore. Questo ti farà passare lunghe giornate in mia compagnia”.
Fischiettando, con le mani in tasca, si avviò. Dopo qualche passo si fermò, si voltò e come chiamasse un vecchio compagno di strada, disse:
“Allora, eremita, vieni?”.

Non esistono mali minori.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

14 risposte a Non esistono mali minori

  1. Comunità Militare dice:

    … chiediamo al Presidente Monti
    di salvaguardare la dignita’ dei piu’ deboli !!!

  2. Greca Angioni dice:

    poveri anziani…..che tristezza..

  3. Roxy Bar dice:

    più si và avanti e più sprofondiamo ormai….dove arriveremo?

  4. Luciana Santoro dice:

    ma si rendono conto sti maledetti,loro non sanno cos e la sofferenza se i loro cari stessono cosi vedremo se farebbero tutto quello che stanno facendo. e noi popolo di pecoroni zitti!!!!! e cosa ci tocca vedere? vedere i nostri padri piangere per non poter sopravvivere no vivvere.vedre i nostri figli crescere nella miseria, mentre i loro si godono la vita alla faccia di noi pecoroni.svegliamoci ITALIANI. NON SE NE PUO PIU.

  5. Giorgio il gobbo dice:

    i ci tolgono la dignità perchè i nostri politici non conoscono il significato di questa parola tutti perfettamente uguali ,tutti una mandria di ladri e a noi cosa chiedono fate sacrifici … e aggiungono gli italiani capiranno … si abbiamo già capito che dovete andare tutti a fare in culo bastardi!!

  6. Roberto Andrisano dice:

    ‎…POVERA GENTE….. POVERI NOII…

  7. Rosa Brizzi dice:

    ‎:'(

  8. Anna Fecondi dice:

    vergognatevi !!!!!!!!!!!!! LADRONI, FARETE I CONTI , PRIMA O POI …….. NOSTRO SIGNORE VE LI STA TUTTI SEGNANDO, E QUANDO ARRIVERETE AL VARCO ……….. POVERI VOI!

  9. Gigi Fois dice:

    Mai cadere in tentazione. Capire, in qualsiasi momento, la gravità del male minore, è importante…

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    ‎:-) Ciao Gigi Fois hai ragione da vendere mai cadere in tentazione.

  11. Gigi Fois dice:

    Ciao Ezio, tante belle cose..

  12. Domenico Vigliarolo dice:

    Mi sento a disagio e provo tanta rabbia sentendoci completamente impotenti.

  13. Franco Mazzei dice:

    pura sacrosanta verità..!!

  14. ELEONORA DI GIOVANNI dice:

    DA PIANGERE. LA COSA E’ DI SCONCERTANTE VERITA’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *