La risacca del mio mare (Enzo Arena)

La risacca del mio mare
(Enzo Arena)

Arriva lenta, leggera e sembra stanca,
cattura i tuoi pensieri e come sera
ti porta la dolcezza che ti manca.

Poi torna come piccola magia,
un poco bianca, un poco trasparente,
vuoi trattenerla e chiedi compagnia.

Chiudi gli occhi, allarghi le tue braccia,
adesso il suo fruscio è dolce suono,
ritorna ancora e lascia la sua traccia.

Quel suono ti possiede e mozza il fiato,
sei onda, sei mare, sei delfino,
ed entri in armonia con il creato.

Questo articolo è stato pubblicato in Poesie, Recensioni. Permalink.

13 risposte a La risacca del mio mare (Enzo Arena)

  1. Masia Gabriele dice:

    ciao Ezio . Enzo non ti conoscevo sotto l’aspetto di poeta un abbraccio

  2. EZIO VINCIGUERRA dice:

    sublime

  3. Giovanna D'allura dice:

    Immensa!
    Buona Giornata Ezio!

  4. Flavio Gallo dice:

    Veramente bella…

  5. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Buona giornata a voi tutti. Vi debbo mettere a conoscenza che l’autore Enzo Arena, ammiraglio e signore dei mari in congedo, non solo mi ha onorato in servizio della sua preziosissima amicizia ma continua a stupirmi per questo diciamo talento “latente” che non ha voluto mai mostrare. Nelle sue poesie traspare mare, Sicilia, saggezza, colori e contrasti, sapori di una volta e soprattutto tanto amore per la vita.

  6. Giusy Crisafi dice:

    Grazie…è bellissima

  7. Calapai Maria dice:

    l’amore non ci lascia mai fino quando il nostro cuore continua a battere.

  8. Enzo Arena dice:

    Eziooooooo, ti prego, non farmi arrossire!

  9. Mimmo Terranova dice:

    enzo sei grande ciao

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    ‎:-) Ciao Gabriele Masia hai visto che bel lato “latente” ha il nostro comune amico e signore dei mari?

  11. Bruno Caleffi dice:

    BELLISSIMO, GRAZIE AMM. UNA PENNELLATA DI RICORDI, NOTTE EZIO.

  12. Maria Rossini dice:

    È nella libertà che io trovo libertà
    È nella vita libera che io trovo vita
    Buona giornata !

  13. Marinaio Telefonista dice:

    In questa notte di solitudine
    trascorsa da eremita
    con la penna tra le dita
    scrivo riga dopo riga
    in versi a rima
    analizzando la mia vita
    curandomi ferita dopo ferita
    inflitta nell’Anima mia
    da chi la rinnegata e tradita,
    con la menzogna e la bugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *