Emigrante di poppa e marinaio di una volta

di Franco Orlandini

Il mare del testo di questo “emigrante di poppa”, in un certo modo, procede frangendo e retrocedendo come l’onda nella risacca, e la corrente della narrazione principale si spezza e si rallenta producendo correnti sottocosta costituite dai ‘ritorni’ del narratore, nelle sue digressioni e nelle sue rievocazioni del passato.
Ma di che si tratta, alfine? D’una narrazione di un viaggio? Anche. Tuttavia non si doppia né la roccia semilunare denominata Capo Horn, lungo la rotta dei venti contrari, né si fa naufragio sulle
rive inospitali del Passaggio di Drake. Non ci sono orche, ma a ben leggere c’é horcynus orca, e ci sono le sirene, non ci sono squali ma ci sono scogliere nascoste affioranti sotto i flutti. Nessuna sfida mortale agli elementi ma si muore lo stesso, in perfetta e banale tranquillità, tra imbarcazioni ormeggiate nella Rada del Sonno, sonno della ragione, sonno della mai beata gioventù. La conseguenza logica di qualunque vita al primo bilancio dopo avere preso la decisione di vivere, in qualche modo purchessìa. E come se non bastasse, vivere ed anche ricordare quel che s’è vissuto.
Momenti fugaci di buona felicità da custodire con amore e da esalare in accordo con la Rosa dei Venti, perché il tempo non li travolga; e ciò che resta della vita, quella vera, là dov’è stato possibile trovarla, dove è fiorita, dove è bastato andare a coglierla, e non era facile, chi è che non lo sa? Si piega la schiena, si scruta e si scava, si fa una continua manutenzione ad una imbarcazione che ci promette di poter attraversare l’Oceano, il viaggio che durerà precisamente una vita fino all’approdo
di cui nessuno sa assolutamente nulla. Ma non è l’ormeggio che conta. Anche questo tutti lo sanno.
E’ il viaggio nell’incertezze, il viaggio dentro di noi, il viaggio da navigatore solitario intrapreso un giorno lontano, perso nelle nebbie del tempo.
Follonica, sabato 28 gennaio 2012, ore 03,39.

Titolo: Emigrante di poppa;
Autore: Ezio Vinciguerra;
Romanzo Breve
ISBN 978-88-96028-50-6
Prezzo: € 3,00 + € 2,00 di spedizione
In vendita presso:
www.lavocedelmarinaio.com
su internet digitando il titolo del libro.

Questo articolo è stato pubblicato in Emigrante di poppa, Racconti, Recensioni. Permalink.

28 risposte a Emigrante di poppa e marinaio di una volta

  1. Gerardo Grella dice:

    Grazie Ezio

    Sempre viva i marinai

  2. Marco Ximenes dice:

    Carissimo Ezio, grazie di cuore per le tue espressioni letteraire che ho molto gradito. Un caro abbraccio – Marco

  3. Antonietta Neri dice:

    Grazie Signor Vinciguerra. Ho letto il suo libro che mi ha prestato un amico comne. Anche a me la musica piace tutta sono sempre cresciuta con la radio fm e il mangiadischi parenti e amici mi prendevano a volte per maniaca ! beh buon we e a presto

  4. Antonio Barzagli dice:

    Grande Ezio! Un abbraccio

  5. Lorena Valenti dice:

    ezio ,la stima di una ragazza che la segue con i pro e i contro delle mie opinioni. spero di leggere notizie interessanti scritte da lei. Con immensa gioia, un saluto.lorena valenti.

  6. Sara Stellina dice:

    Ciao Ezio. Ti ringrazio molto per le tue parole sul libro e la dedica sono bellissime.
    Sara

  7. Barrera Raimondo dice:

    Ciao Ezio…Grazie per avermi nominato amministratore della tua pagina, cercherò di essere all’altezza….vorrei cambiare la foto del profilo, se non ti piace deciderai di cambiarla.Un abbraccio Ray.

  8. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Carissimo Raimondo fai pure per me è un onore averti come amico. Un abbraccio anche a te e ai tuoi cari.
    P.s. Aiutami a farla condividere con i nostri amici

  9. Giampaolo Trucco dice:

    Un caro saluto! Ma sei ancora in servizio?

  10. EZIO VINCIGUERRA dice:

    No purtroppo. Congedato e passato nella riserva per motivi sanitari che sto cercando di risolvere pian pianino.
    Mi mancate, tantissimo. Soprattutto tu e i tuoi / nostri ragazzi.
    Se vi dico che vi voglio bene, mi credete?
    Adesso cerco di continuare quel lavoro intrapreso alle comunicazioni tanto tempo fa e forse non apprezzato del tutto sperando di arrivare nel cuore della gente che come noi ama il mare e la Marina.
    Un abbraccio a te, ai tuoi cari e a tutti i ragazzi, nessuno escluso, grande come quel mare profondo e trasparente che ci portiamo dentro.
    Ezio

  11. Giampaolo Trucco dice:

    Grazie! Passero’ il tuo saluto ai ragazzi!

  12. Antonio Melis dice:

    Lo condiviso per che merita ed bellissimo sia il libro che il video poi sono un emigrato , Ciao Ezio ;;;;;;;;;;”

  13. Andrea Besozzi dice:

    Carissimo Ezio ho letto attentamente la recensione del sig. Orlandini (che presumo sia stato un marinaio). Ho trovato sia il libro che la recensione per me, giovane disoccupato e forse prossimo emigrante, illuminante…specie nella parte finale.

    Grazie Tantissimo!!!

  14. Toty Donno dice:

    Ho imparato che lavorare non significa solo guadagnare soldi e che gli amici si conquistano mostrando chi realmente siamo…
    Grazie Ezio

  15. Linda Bellomo dice:

    Il mio pensiero oggi è: “MA TI RICORDI”????? Amici, buona domenica, che sia meravigliosa e serena.! Spesso quando incontriamo amici che non vedevamo da tempo siamo felici e diciamo: Ma ti ricordi?.

  16. Mi Manchi dice:

    Il vero amico non aspetta di vederti o di sentirti il vero amico ti cerca… soprattutto se sa che sei in difficoltà non servono grandi parole, servono grandi presenze… quelle presenze che si sentono anche se non si vedono. Un amico è …. e in questa piccola parola è racchiuso tutto

  17. Pasquale Rapani dice:

    il mare è musica..bisogna saperla ascoltare.
    Ezio sei un grande!

  18. Albino Trolese dice:

    Ezio carissimo,
    ti ringrazio per gli auguri! Ma un grazie soprattutto per la tua continua e assidua presenza nel “gruppo” che mantiene vivo tanti “spiriti in un unico corpo”.
    Marinai per sempre.

  19. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Grazie a te Albino Trolese, spero che Lui mi dia sempre la voglia di perseverare.
    Una volta marinai, marinai per sempre.

  20. Giovana Canciello dice:

    Carissimo,
    mi fa piacere che ti piace….forse perche’ Emigrante di poppa e’ la colonna sonora della mia adolescenza e giovinezza, torniano a noi, si , credo che ci siano diverse cose in comune…ma chi ama la musica e’ ANIMO SENSIBILE razza che diventa sempre piu’ ” esigua”
    … ti abbraccio [:)]

  21. EZIO VINCIGUERRA dice:

    Ciao Giovanna mi piace, una bella simbiosi musica e mare. Devi apprezzarli ed amarli tantissimo.
    Un abbraccio a te e ai tuoi cari

  22. EZIO VINCIGUERRA dice:

    🙂 Orgoglioso di ricevere tutti questi complimenti (speriamo di meritarmeli) e soprattutto orgoglioso di essere vostro amico. Grazie
    Ezio

  23. Bruno Caleffi dice:

    grazie Ezio, l’orgoglio e’ anche il nostro. ciao fra.

  24. Roberto Tento dice:

    grazie EZIO, orgoglio e’ anche nostro per amico un personaggio come te e per lo piu’ un tenace marinaio

  25. Giuseppe Orlando dice:

    Bontà e bellezza, saggezza, intelligenza e tanto amore per il mare e la vita: questo è emigrante di poppa.

  26. Salvatore Laudani dice:

    “Felicità è accontentarsi dei particolari che la vita può darti.” Grazie migrante di poppa

  27. Matteo Scibilia dice:

    Grazie, Ezio.

  28. Francesca Calapai dice:

    Caro Ezio in te era il seme dell’arte sin da ragazzino…e quando ho visto la foto del profilo il ricordo è andato ai tempi dei campi preadolescenti…eri un bambino dai tanti talenti e il tempo non li ha smentiti…le tue poesie, le tue canzoni ne sono lo specchio più vero. Grazie, anche tu sei nei nostri cuori!…amo la mia terra, la mia bella Sicilia… ma ancor più amo le mie persone, e le porto con me ovunque e così ovunque può essere casa!… arance amare…chi non ne ha qualcuna nel cuore???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *