La morte del pianeta

a cura di Toty Donno

La morte della fede ha portato morte al Mio creato.
La Mia creazione era perfetta: uomo e pianeta vivevano in unità. Ma l’uomo non ha avuto fede in Me e non ha rispettato le leggi della natura: si è creato come creatore e scienziato dando al mondo notizie false. L’uomo senza fede si fida delle sue nozioni, senza pensare che è solo una molecola di materia. Essa di fronte ad un atomo di luce divina è una nullità, che non si vede neanche.
L’incredulo che nega le Mie leggi e non ammette la seconda vita oltre la morte non può mettersi al servizio della scienza, perché l’uomo distrugge, se non ha fede, ed è proprio quello che sta avvenendo.
La morte del vostro mondo non è decisa da Me, è realizzata dalla vostra sete di potere. Come lucifero che aveva sete di potere e voleva mettersi in trono, ha ottenuto un trono di fiamma che riproduce ma non rigenera, così voi avete fatto la stessa cosa: avete cercato di misurarvi con Me
manomettendo la Mia creazione: uomo terra, estromettendomi dai vostri libri di scienze. Sui vostri libri non c’è più il Mio nome come progettista e costruttore dell’universo. Sono stato privato della Mia notorietà.
Le due creature da Me create, uomo e terra, sono collegate l’una all’altra. Non può vivere l’uomo senza l’universo e l’universo non avrebbe valore se non ci fosse l’uomo a viverci.

Questo articolo è stato pubblicato in Le parabole e ritratti di Toty Donno, Racconti, Recensioni. Permalink.

17 risposte a La morte del pianeta

  1. Claudio Tolu dice:

    Bellissimo

  2. Umberto Pardi dice:

    Stupendo !!!

  3. Vincezo Saia dice:

    stupenda ..grazie

  4. Laura Rossi dice:

    Non ne esiste maggiore, grazie!

  5. Gabriella Fogli dice:

    Siamo troppo impegnati a guardare fuori di noi che ci dimentichiamo di quanto noi stessi siamo un miracolo vivente. E, nei nostri cuori, nelle nostre cellule, nel nostro D.N.A. è nascosto il mistero della Divinità e dell’Universo. Gabry

  6. Piera Nicoletti dice:

    meravigliosa……….grazie per la riflessione! ♥

  7. Patrizia Principi dice:

    intensa riflessione, se ci pensa bene…Grazie ..un abbraccio ♥

  8. Maria Vittoria dice:

    Grazie come sempre allegra vita Ezio sono molto molto grandi. portando il meglio di te, ricordi. Io ti amo. il tuo amico

  9. ezio vinciguerra dice:

    Abbiamo ragione Posidonia, hai ragione da vendere per la via di Damasco… siamo fatti a Sua immagine e somiglianza ma ce ne dimentichiamo. Un abbraccio grande, profondo e trasparente come il nostro mare a te e a tutti gli amici del marinaio.

  10. Mariella Ricci dice:

    Costruiamo un mondo migliore in cui amicizia, solidarietà umanità, diversità , accoglienza ed integrazione siano condivisi da tutti !!!! BELLE PAROLE. GRAZIE!!!!

  11. Mariella Ricci dice:

    Lottare sempre, come si può contro ciò che è ingiusto.

  12. Roberta Sibaud dice:

    ‎Ezio il nostro mare nn rispettato e offeso!

  13. Vincenzo Tatti dice:

    Ho ricevuto due lettere della stessa forza: in una si diceva che ero un grande santo, nell’altra che ero un ipocrita. La prima non mi aggiunge niente, la seconda non mi toglie niente: davanti a Dio si è quel che si è e nulla di più.
    Grazie un abbraccio

  14. Pina Camomilla dice:

    GrazieToty,con questo ci conviene riflettere di più sulla nostra persona .E cercare di correggere qualche difetto…

  15. Toty Donno dice:

    Ciao Ezio…come va?….qui diluvia. vento forte, buona serata…ciao…….e grazie a te

  16. ezio vinciguerra dice:

    Ciao Toty freddo polare, praticamente tappati in casa. Buona serata anche a te

  17. Franco La Rosa dice:

    Hai ragione da vendereToty, e non lo dico x “compassione”, un giorno nel regno di Dio ci precederete correndo verso di Lui e noi “normali” rimarremo stupiti e capiremo quanto siamo stati diversi x incomprensione nei confronti vostri cari fratelli e sorelle. Che Dio ci perdoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *