Che cos’è la Marina Militare?

di Albino Trolese

Tra le infinite e magnifiche immagini che fanno rivivere momenti incantevoli e irripetibili, il cui ricordo non può far altro che rallegrare il cuore a chi sente ancor vivo il senso di appartenenza, mi si consenta di rivolgere un pensiero al compianto Maggiore del G.N. Antonio Carrino che per l’incrociatore Caio Duilio e per noi ha dato la vita. Ha sacrificato la sua Esistenza, nel tentativo di spegnimento dell’incendio scoppiato a prora qualche giorno, dopo il rientro dalla crociera svolta in nord Europa. Era il Direttore di Macchina, del 7/8 Reparto, il nostro, il mio Direttore. Sposato da qualche mese, lasciava la moglie di 27 anni. Almeno 500 Uomini lo hanno conosciuto, quanti erano imbarcati in quell’anno, e tutti ricorderanno le fasi concitate e drammatiche di quei tre giorni di fuoco. Non si può dimenticare! Viva per sempre nella nostra memoria!
Sgt.Mc Albino Trolese (mat 65VO164M “Caio Duilio” agosto 1966 – ottobre 1971).


Questo articolo è stato pubblicato in Che cos'è la Marina Militare?, Marinai, Racconti, Recensioni. Permalink.

51 risposte a Che cos’è la Marina Militare?

  1. Marino Miccoli dice:

    Mi congratulo con Abino Trolese per questo ricordo e mi unisco a lui nel rendere omaggio al valore del Direttore di Macchina del Caio Duilio, il Maggiore Antonio Carri e a tutti i Marinai caduti nell’adempimento del proprio dovere.

  2. Pietro Rossi dice:

    Albino allora mi hai conosciuto, anche se ero del reparto armi…..io a bordo c’ero dall’allestimento……

  3. ALBINO TROLESE dice:

    Si, mi ricordo…tu eri già un capo..io un allievo.

  4. Pietro Rossi dice:

    si ero 2°capo….

  5. Luciano Montanari dice:

    ciao Albino……..ho visto ora la foto del “nostro” Carrino e mi sono commosso nel suo ricordo. Davvero fu un brutto momento che ancora ricordo bene: si stava caricando a prua i viveri quando cadde una bottiglia di sambuca o similare ed il cui liquido incontrò un mozzicone di sigaretta ancora acceso……………davvero una brutta storia e una brutta disgrazia. onore per sempre al grande Carrino!

  6. Pietro Rossi dice:

    la fatalità…….sempre in agguato!!!!!buon pomeriggio

  7. Antonio Corsi dice:

    Albino ti ho conosciuto da allievo prima del tirocinio con il tuo collega (defunto) Calcagnile Alberto. Io facevo il Capo Guardia in caldaia

  8. ALBINO TROLESE dice:

    Antonio mi hai fatto venire i brividi. Sì, ricordo Calcagnile Alberto e mi dispiace della sua morte prematura. Vorrei avere più notizie, ma mi rendo conto che non si può ricostruire tutto di tutti. Ogni tanto un flash, un episodio e voilà, riaffiorano particolari che sembravano assopiti….Basta la memoria…..Tu eri il mio capo guardia in servizio navigazione ed io ero il tuo sottordine…. mi son fatto 2 anni in caldaia di prora, 2 anni a poppa e 1 anno in segreteria e….quante le guardie tra caldaia e macchina..4 e 8 ,..4 e 4! Grazie per avermi rispolverato la mente dopo 46 anni!…Il cinquantesimo andrebbe festeggiato, il mio….. il vostro .. di chiunque. Ma già così mi sembra una festa Alle soglie della vecchiaia, mi è confortante condividere dei momenti esaltanti che hanno segnato nel bene la vita di ognuno di noi.

  9. ALBINO TROLESE dice:

    Luciano! Si trattava di una cassa di bottiglie di sambuca o anice che cadendo dall’alto disperse ovunque il liquido insidioso e soprattutto sotto i depositi di viveri…. cataste di pasta, riso e altri viveri infiammabili che si impregnavano. Un mozzicone diede inizio ad una combustione fumosa e lenta, ma inarrestabile. Il fumo acre in breve invase la sezione di prora. La squadra SAP si trovò con una manichetta del 45 priva d’acqua e a nulla valsero gli estintori. Dopo 3 giorni i vertici decisero di far affondare la sezione di prora e adagiarla sul fondo…. Una bettolina si affiancò ed apri una falla…. Solo l’allagamento estinse il fuoco…. Alberto Pulignani e Restivo furono tra quelli che trovarono il corpo del nostro Direttore di Macchina. Al di là della retorica, Lui sì fu sprezzante del pericolo e fu in prima linea nell’immergersi nelle fiamme e fumo, al buio, perchè temeva per noi giovani e imprudenti e nessuno nel parapiglia si accorse che non era più risalito…non indossava le bombole ossigeno, ma solo una maschera antigas. Scusate lo sfogo.

  10. Antonio Corsi dice:

    Albino è stato un piacere. Su Fb, anche se sporadicamente, c’è anche Restivo

  11. Antonio Corsi dice:

    IL pietro Rossi che ti ho suggerito era anche lui sul Duilio. Più anziano di noi e di coperta.
    Noi stiamo anche in contatto con Il nostro (allora capo reparto) Mazzoli. Lo ricordi?

  12. ezio vinciguerra dice:

    ‎:-) anche se non ti conosco Albino Trolese se ti dico che ti voglio bene mi credi? Marinai di una volta, marinai per sempre!

  13. Pietro Rossi dice:

    Ezio……ci si ritrova sempre……..migliaia di marinai ed ecco che si legge qualcuno con cui eri sulla stessa nave e nello stesso periodo……..anche se ci si trova per un triste ricordo….

  14. ezio vinciguerra dice:

    Proprio così Capo Rossi …possibile che questo messaggio oggi non arrivi. Perchè?

  15. Pietro Rossi dice:

    Pietro Rossi I commilitoni del Duilio ti ricordano!!!!

  16. Antonio Corsi dice:

    Azz fisicamente non lo ricordavo ma di nome si Mi spiace anche perchè non era cattivo ed è morto giovane

  17. Pietro Rossi dice:

    Pietro Rossi con l’incendio a bordo

  18. Antonio Corsi dice:

    Questo episodio non lo ricordo o non lo conosco Pietr. Mi ricordo cmq di lui

  19. Pietro Rossi dice:

    tu eri andato via mi sa, eri già sul Veneto!

  20. Antonio Corsi dice:

    e si Pietro Sbarcai nel 67 a settembre

  21. Pietro Rossi dice:

    è successo molto dopo, nel 70 se non ricordo male

  22. Antonio Corsi dice:

    e si Pietro il biglietto porta, come data del decesso, l’11/09/1970

  23. Pietro Rossi dice:

    non avevo guardato………se ne parlò tanto della disgrazia…..
    una preghiera per lui!!!!! quelli del Duilio lo ricordano tutti!

  24. Paolo Laganaro dice:

    Ne ho sentito parlare anche io sul Veneto.. 30 anni dopo..

  25. Luigi Soldano dice:

    Mi è stato raccontato parecchi mesi dopo l’accaduto da un mio figlioccio mentre mi rifornivo di componenti alla GBC di Bari. Io rinunciai alla crociera nel nord Europa e sbarcai il 20 aprile 1970. Vedendo la foto, mi ricordo del sig. Carrino. Ci ricorderemo per sempre di lui, come di Capo Molini, Capo Montemurro ed altri che non sono più tra noi.

  26. Pietro Rossi dice:

    io che ci sono stato insieme per anni……..non li dimentico!

  27. Luigi Soldano dice:

    Ciao Pietro, ogni tanto mi affaccio e quando vedo notizie del nostro periodo, mi piace ricordarle e magari risentire gli amici di allora. Buona notte, a risentirci.

  28. Pietro Rossi dice:

    serena notte

  29. Salvatore Giuffrida dice:

    qualcuno sostiene che l’anima del suddetto circolasse a bordo

  30. Maurizio Bruttocao dice:

    Chi si dimentica di quel “maledetto” giorno, ero di guardia come aiutante alla nave e hai ponti era C° Taddei

  31. ezio vinciguerra dice:

    Una prece e un ricordo parallelo che ci deve far riflettere, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che marinaio è una vocazione.

  32. Pietro Rossi dice:

    Lo ricorderò…….lo conoscevo quando ancora era sottordine, come sig. Carrino……non si dimenticherà……una preghiera sicuramente….

  33. Edoardo Bartolomei dice:

    ‎”Amicizia” gran bella parola, peccato che alcune persone,
    non ne abbiano ancora capito
    né il significato né tanto meno il valore.

  34. Paolo Francavilla dice:

    Edoardo, spero che nelle tue parole non vi sia alcuna nota polemica .siamo TUTTI amici e fratelli di mare giusto ?…

  35. Roberta Petraglia dice:

    Il valore delle cose si scopre insieme…. altrimenti non è un valore, ma è un segreto.

  36. Edoardo Bartolomei dice:

    Roberta, rispetto la tua opinione. L’amicizia è nel cuore. O c’è o non c’è. Tu puoi anche non essere ricambiato.

  37. Giovanni Benincasa dice:

    Attualmente credo che sia un termine molto inflazionato, così come la parola amore: sulle labbra ma non nel cuore. Saluti!

  38. Toty Donno dice:

    Toty Donno

    Per vivere con onore bisogna
    struggersi,
    turbarsi,
    battersi,
    sbagliare,
    ricominciare da capo
    e buttar via tutto
    e di nuovo ricominciare a lottare
    anche a rischio di perdere eternamente
    La calma e’ una vigliaccheria dell’anima.

  39. ezio vinciguerra dice:

    [:-)] bellissima

  40. ALBINO TROLESE dice:

    Grazie Ezio!…ci credo…..perchè dimostri un’indole sincera, una dote innata accresciuta all’insegna di un grande nome:”Marina Militare”. Ogni equipaggio, di qualsiasi nave, ha costruito legami fraterni con le generazioni che si sono succedute. L’anima del marinaio di un tempo continua a vivere nella luce di chi verrà dopo di lui. Un abbraccio

  41. Francesco Capocefalo dice:

    Rientra tra coloro che con la loro esperienza possono ancora da una mano. ” Torniamo a bordo”.

  42. Adriano Parabita dice:

    IO ricordo benissimo….. ero di servizio durante l’imbarco viveri…. poi dato che la bettolina era svuotata oltre la meta ..Lui mi mando’ via…ed usci.. e passai dia casa sua per dire alla moglie che ritardava per andare a casa a cena….invece… la sera alle 23.30 ritornai e vidi il macello ed il caro Ammiraglio con i suoi strilli costrinse il com.te a scendere e rimase tra il fuoco e l’acqua…molti si intossicarono…. e la mattina lo tirammo fuori con le lenzola… ed al fnerale insieme ad un’altro collega portammo la corona della famiglia….. NON POTRO’ MAI DIMENTICARE… ce era un ufficiale giusto..ed un uomo Onesto e Leale…. e mi lega anche i momenti belli ..la famosa barchetta a forma di………. e ci giocavamo..e poi affndava….ancora oggi… mi addolora e lo conservo nella Mia Anima… un Bacio sulla tua Anima Antonio…Grazie di esserci Stato..e ci sei ancora…

  43. Domenico Basso Palmiero dice:

    io ero li con voi ,un abbraccio

  44. Emilio Corino dice:

    Un caro collega del quale conservo un bel ricordo. Io sbarcai dal Duilio a Marzo del 1970, pochi mesi prima della crociera in Nord Europa e del successivo tragico incendio.

  45. Pomponio Salvo dice:

    Solidarieta`ai fucilieri del BSM in queste ore difficili.Che il vento sia con voi.!!

  46. Alberto Pulignani dice:

    Si albino sono proprio Alberto ora sono ricoverato a pavia ma quel terribile incendio quella lamiera rovente rossa come il fuoco il vapore che ci rendeva cechi.tutto e di più avrei fatto per salvarlo era impossibile quell encomio solenne é un pezzo di carta maio lo costi disco gelosamente ciao alberto

  47. nicola carrino dice:

    mio cugino antonio è stato un eroe ma tutti i carrino di taranto hanno la marina nel cuore

  48. Alberto Pulignani dice:

    Incendio sul Duilio.Il mio come gli altri é stato un gesto di salvare un marinaio una nave la più bella di tutte.voglio ricordare ad Albino che io e Restivo fummo congedati in ritardo e lo fummo alle 0300 con seggiovia laterale sull Impavido che andava a Bari.

  49. Manlio dice:

    Un saluto a tutti, in questi giorni ho ricercato qui e sul sito della M.M. il mio passato sule navi Garibaldi, Doria, Vespucci, Audace. Tra i tanti ricordi anche questo incendio e la conseguente morte del maggiore Antonio Carrino che qui ho cercato e trovato ma nei miei ricordi, spero sbagliati, c’è anche un’altro morto che era sceso con il maggiore Carrino, mi sbaglio? spero di si! Io ero a bordo di nave Garibaldi, e sono stato il primo a notare che la vernice, sulla fiancata destra di nave Duilio, brillava in modo strano e inspiegabile fino a comprendere che quel fenomeno era attribuibile solo all’elevata temperatura cosa che comunicai al corpo di guardia che contattó a sua volta nave Duilio dando il via alle operazioni che poi portarono al terribile evento. Questo ricordo mi ha accompagnato per tutta la vita è ancora oggi è ben chiaro. Un pensiero a tutti i caduti nell’adempimento del proprio dovere.

  50. Consoletti Fernando dice:

    Ero a bordo il giorno dello incendio. Sergente fr contabile Consoletti fernando.Mi ricordo di tutti voi perché vi amministrativo.Mi ricordo in particolare del sergente Putignano Putignano Rosso Rossano Alberto, Sergente Bonuso di Nardò, Sergente Tomaso Costantino, capo aiutino, capo Milano, capo Assumma. Ricordo del maggiore Carrino tutti i giorni della mia vita…che peccato!!.Ora sono un tenente di Vascello in congedo è vivo aRoma.Vi abbraccio tutti con tanto affetto.

  51. Francesca Musio dice:

    Un grazie a voi tutti perché sono riuscita finalmente a capire cosa successe al mio caro zio Antonio Carrino in quei terribili giorni. Ero piccola, avevo solo cinque anni e ricordo solo le lacrime e la disperazione di tutta la nostra famiglia. Lo ricordo come un uomo amorevole e sempre pieno di attenzioni nei confronti della sua nipotina che non vedeva l’ora di riabbracciarlo dopo tanti mesi di assenza. Riposa in pace caro zio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *