Una logica Divina

di Bruno Ferrero
(Segnalata da Toty Donno)

Una catechista aveva raccontato ai suoi ragazzi del catechismo la parabola del figliol prodigo, ma si era accorta che dopo un po’ molti si erano distratti. Allora aveva chiesto che gliene scrivessero il riassunto. Uno di loro scrisse così:
“Un uomo aveva due figli, quello più giovane però non ci stava volentieri a casa, e un giorno se ne andò via lontano, portando con sé tutti i soldi. Ma ad un certo punto questi soldi finirono e allora il ragazzo decise di tornare a casa perché non aveva neanche da mangiare. Quando stava per arrivare, suo padre lo vide e tutto contento prese un bel bastone e gli corse incontro. Per strada incontrò l’altro figlio, quello buono, che gli chiese dove stava andando così di corsa e con quell’arnese: “E’ tornato quel disgraziato di tuo fratello; dopo quel che ha fatto si merita un bel po’ di botte!”.
“Vuoi che ti aiuti anch’io, papà?”.
“Certo”, rispose il padre.
E così, in due, lo riempirono di bastonate. Alla fine il padre chiamò un servo e gli disse di uccidere il vitello più grasso e di fare una grande festa, perché s’era finalmente tolto la voglia di suonargliele a quel figlio che gliel’aveva combinata proprio grossa!.
Capire la logica del cuore di Dio è difficile per tutti.

Questo articolo è stato pubblicato in Le parabole e ritratti di Toty Donno, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

2 risposte a Una logica Divina

  1. Nello Gaudino dice:

    Ezio, ti ringrazio per queste piccole chicche…
    SEMPRE!!!

  2. Nadia Merica dice:

    grazie Ezio, magari possiamo fare qualcosa inseme, buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *