La timidezza delle onde

tratto da “La timidezza delle rose”
Serdan Ozkan
(segnalato da Lidia Serpetri)

C’era una volta nell’oceano un’onda che si muoveva godendo il calore del sole e la velocità del vento. Sorrideva a tutto ciò che la circondava mentre si avvicinava alla riva. Ma poi notò all’improvviso che le onde che la precedevano si infrangevano l’una dopo l’altra contro la scogliera, dissolvendosi brutalmente.
“oh Dio! esclamò. Finirò proprio come loro: presto anch’io mi frangerò scomparendo!”
In quel momento, un’altra onda che le passava accanto percepì il suo panico e le chiese:
– “perché sei così in ansia? Guarda com’é bello il tempo, ammira il sole, senti la brezza…”
L’onda ribatté:
– “Ma non vedi? Guarda con quanta violenza le onde che ci precedono si infrangono contro la scogliera. Guarda come spariscono in maniera terribile. Presto ci dissolveremo proprio come loro…
– “oh, ma tu non capisci, disse l’altra onda. “Non sei un’onda: sei una parte dell’oceano.”

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

4 risposte a La timidezza delle onde

  1. Maria Sala dice:

    Ciao Ezio
    ti debbo ringraziare per questa recensione e mi complimento per la tua bellissima famiglia, augurandoti sempre tanta felicità, come lo sono io
    Giovanni, che debbo dirti è un grande romanticone, si prende a cuore le problematiche di tutti, te lo salutato e ricambia di vero cuore.
    Una volta marinai, marinai per sempre, sopratutto nel cuore
    Ciao. Maria

  2. Chiara Bella dice:

    Grazie mille Ezio! Che bel pensiero!!! Un grosso abbraccio Chiara

  3. Lidia Serpetri dice:

    Grazie Ezio!

  4. Ezio Vinciguerra dice:

    Ciao Lidia sono io che ringrazio te. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *