La povertà: inaccettabile privazione di vita

STOP ALLA FAME NEL MONDO

La povertà è fame. La povertà è vivere senza un tetto. La povertà è essere ammalati e non riuscire a farsi visitare da un medico.
La povertà è non potere andare a scuola e non sapere leggere. La povertà è non avere un lavoro, è timore del futuro, è vivere giorno per giorno.
La povertà è perdere un figlio per una malattia causata dall’inquinamento dell’acqua.
La povertà è non avere potere e non essere rappresentati adeguatamente; la povertà è mancanza di libertà.
Nel mondo, l’estrema povertà confina con l’abbondanza.
Ma la povertà non è solo mancanza di soldi.
Povertà è l’umiliazione, la sensazione di essere dipendenti da altri, di essere obbligati ad accettare offese, disprezzo, e trovare indifferenza quando si cerca aiuto.
La povertà è un’inaccettabile privazione del benessere cui ha diritto un essere umano.
La povertà non comprende solamente basse retribuzioni e consumi ridotti al minimo, ma anche difficoltà d’accesso ad un adeguato livello di educazione, di risorse sanitarie e d’alimentazione.
Supera gli aspetti monetari per includere il pericolo e la vulnerabilità, l’impotenza rispetto all’incertezza quotidiana, l’incapacità a far udire la propria voce.
L’esperienza della povertà non è solo mancanza di benessere materiale, ma anche negazione dell’opportunità di vivere una vita tollerabile.
La povertà limita la vita.

 

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *