Il Rosario

di Toty Donno

Ho sentito dire che il Rosario è una preghiera monotona. Ascolta, a questo proposito, ciò che racconta un parroco.
Una ragazza si presentò a lui dopo la predica e gli disse:
“Voi non fate che ripetere le stesse parole nel Rosario, e chi ripete sempre le stesse parole è noioso e forse non vero. Non crederei mai ad una simile persona.”
Il parroco le chiese chi fosse il giovane che l’accompagnava. La ragazza rispose che era il suo fidanzato.
“Ti vuol bene?”
“Certamente!”, rispose lei
“E come lo sai?”
“Me lo ha detto.”
“Che cosa ti ha detto?”
“Io ti amo”
“Quando te lo ha detto?”, continuò il parroco.
“Me lo ha ripetuto un’ora fa.”
“Te lo aveva detto anche prima?”
“Sì, ieri sera.”
“Che cosa ti disse?”
“Io ti amo.”
“E altre volte?”
“Tutte le sere.”
“Non gli credere. Non è sincero. Non fa che ripetersi.”

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Recensioni. Permalink.

2 risposte a Il Rosario

  1. Willy Rappoccio dice:

    Grazie Ezio,un bel modo molto poetico,e ci sta’ bene,di fare gli auguri.Grazie tante !!!!!

  2. Fabio Lo Vecchio dice:

    Toty mi hai lasciato senza parole.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *