Chissà perche mi sento strano

di Pietro Serarcangeli

…quando si avvicina la data della “Giornata Mondiale dedicata alle Vittime dell’amianto”.

Non so perché ma, quando si avvicina la data del 28 aprile, notoriamente “Giornata Mondiale Dedicata alle Vittime dell’Amianto“, mi sento strano.
Come se di punto in bianco cadessi in depressione (sintomo che, fortunatamente, non ho conosciuto se non per sentito dire).
Mi rattristo e inizio a pensare ai colleghi, amici di tante avventure, con i quali ho solcato mari in tutte le latitudini e che, purtroppo, non ci sono più.
Rivedo i volti, risento le battute e ricordo i nomi.
Non vorrei ricordare ma non posso farne a meno. Vite spezzate da un nemico comune,ben visibile sulle navi grigie eppure così invisibile nei suoi effetti disastrosi che, giorno dopo giorno, ci portava via il bene più prezioso: la salute, la vita!
Quasi come ci fossimo messi in fila, quasi fossimo andati a mensa: prima lui, poi l’altro …a me toccherà tra un po’ …quando?
In questa immaginaria fila, nessuno lo sa ma toccherà anche a me, lo so, lo sento e allora ci ritroveremo la dove, si dice, finalmente avremo pace.
Quella pace che qui, sulla terra, gli uomini non vogliono avere, che ci è stata negata nella sofferenza e nel dolore. Chi ci sarà dopo di noi deve sapere di noi ma non per meriti o distinzioni particolari ma per ciò che abbiamo dovuto subire, nostro malgrado, inconsapevolmente. E deve sapere che noi abbiamo perdonato, nonostante tutto, pur nel dolore siamo stati capaci di perdonare!

Dedico questo scritto agli amici, ai sofferenti, agli ammalati. Qualcuno mi prenderà per squilibrato e lo posso capire. Ma quando si è vissuto ciò che io, che noi abbiamo vissuto.: nulla più può offenderci. Ne ora ne mai…

Per saperne di più
http://www.lavocedelmarinaio.com/2011/04/1%C2%B0-convegno-di-a-f-e-a-sull%E2%80%99amianto/
http://www.lavocedelmarinaio.com/2011/04/amianto-nei-paesi-in-via-di-sviluppo/
http://www.lavocedelmarinaio.com/2011/02/spq5/

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Recensioni, Sociale e Solidarietà. Permalink.

6 risposte a Chissà perche mi sento strano

  1. Domenico Anastasi dice:

    grazie mille signor ezio,terrò ben a mente le sue parole

  2. Progetto Oltre i Limiti dice:

    Grazie! grazie infinite per questo messaggio che ci rincuora…

  3. Francesco Paolo Ruggieri dice:

    Grazie Ezio, per il tuo gentile pensiero ma per me il passato è e dev’essere sempre presente, per un futuro sempre migliore e, in particolare, il mio passato, vita vissuta, mi appartiene, è e rimarrà sempre, parte integrante della mia vita e, sempre la mia base_riferimento per il presente ed il futuro,… senza il riferimento del passato, il futuro sarebbe più ostico da programmare, non ti pare? ma… senza mai_mai_mai, soffrire di nostalgia_malattia, perchè sarebbe non “saper vivere il presente e saper programmare il futuro”. Ciao e, ancora Grazie .

  4. Rino Pecorelli dice:

    siamo tristi, e non felici, la vita ci insegna ad andare oltre, ad AMARE, VIVERE E DONARE IN ARMONIA CON OGNI MANIFESTAZIONE DELLA VITA, IN OGNI LUOGO, ogni istante della nostra vita in questa dimensione. Basta lacrime,
    … Vi abbraccio tutti.

  5. Roberta Sibaud dice:

    “ CHI E’ ONESTO NON TEME CONFRONTI, SEMMAI LI CERCA!

    ”Qualsiasi cittadino, deve avere la possibilità di dire ” voglio vederci chiaro”

  6. Pietro Serarcangeli dice:

    Pietro Serarcangeli Grazie Amici…….ma che fatica!!!!Oggi sono uno straccio…..sono crollato……ma…….domani si ricomincia……..Pietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *