Sei quella

SEI QUELLA (www.lavocedelmarinaio.com)

Sei quella
Lirica di Vittorio Fioravanti

Se mi chiedo il tuo nome
sei quella
che non ho mai saputo
ricercare nell’ombra
calda amara degli altri
Sei quella
che mi ha eluso un giorno
sull’argine d’un fiume lento
che mi scorre dentro
da sempre

Forse sei quella
che mi passa davanti
gli occhi immersi nei miei
sul vagone di fronte
nei riflessi dei vetri
d’una stazione ferma di periferia

Eri dietro una persiana socchiusa
nel fresco riso d’una mattinata
che si brucia nella luce del sole

Eri la sconosciuta
smarrita sotto la pioggia
senza un vero destino
Eri giunta per caso
appena all’angolo della mia via
in un attimo della mia vita

E se mi chiedo il tuo nome
sei quella
sfiorata nel fumo d’una sigaretta
lungo la barra in penombra
d’un caffè di notte
Sei quella
che m’ha lasciato
senza una parola
come sabbia tra le dita
con un sorriso sofferto
quasi per gioco

Sei un volto bianco
intravisto a Venezia
un gabbiano sfuggito
Sei uno sguardo
un grido inespresso
Sei il domani incompiuto
un rifiuto
un mio sospiro nel buio

19 dicembre 1988

Questo articolo è stato pubblicato in Poesie, Recensioni. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *