Il sergente nella neve

(Carla Baroni – Ferrara)(*)

… a Mario Rigoni Stern

“E Mira già si spegne Cassiopea
s’inselva dentro aghi di cristallo.
Dove fuggiamo, miei compagni, dove
se non c’è alcuna stella che ci guidi
se lontano il Don neppure geme
sotto le rive candide di ghiaccio?
Andate, un dì ci dissero, e noi andammo
la meta sconosciuta ed anche vaga
la strada da percorrere, lontani
i nostri affetti e la tenace idea
del soffice tepore della casa.
In tana come animali
nella scura terra
ognun di noi sepolto ha la speranza
di ritornare, di vedere ancora
il volto sorridente della madre.
Ora l’ordine è Ripiegate.
Il Don è là insanguinato e lento
a mettere un confine ai nostri passi
ma altro segno non v’è se non talvolta
altri dispersi dalla faccia stanca
che si uniscono a noi, un formicaio
che cerca invano
un piccolo pertugio alla sua fuga…”

Ciao Mario,
adesso che il tuo viaggio si è concluso
ancora grazie per quello che ci hai dato.

(*)
Terza classificata al Premio Poesia “Città di Sant’Elia Fiumerapido” 2010.
Motivazione della Giuria
“Con la musicalità dell’endecasillabo soprattutto ma anche del settenario “Il sergente nella neve” è un omaggio a Mario Rigoni Stern, scomparso due anni fa, e rilegge poeticamente ed emozionalmente il romanzo autobiografico intitolato appunto “Il sergente nella neve” in cui lo scrittore veneto ripercorre la propria esperienza nella sfortunata campagna di Russia. Poesia toccante ed efficace” (Amerigo Iannacone)

Nota
Per gentile concessione della redazione de “Il foglio volante”
diretto da Amerigo Iannacone.
Edizioni Eva – Via Annunziata lunga, 29
86079 Venafro (IS)
Tel. 0865-909950
edizionieva@libero.it

Questo articolo è stato pubblicato in Poesie, Recensioni, Storia. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *