Quel tragico 9 novembre 1971

di Paolo Frediani

…9 novembre 1971 – 9 novembre 2010.

Una cerimonia solenne si terrà sabato 13 novembre presso la Parrocchia San Michele alla Vannucci, per commemorare il 39° anniversario della tragedia che costò la vita a 46 paracadutisti effettivi alla Brigata Folgore ed a 6 membri dell’equipaggio della Royal Air Force. A distanza di 39 anni ancora è viva quella tragedia che gettò nel lutto le Forze Armate e la città di Livorno. Molte le testimonianze di chi allora era presente nei ranghi della Folgore e di chi ha contribuito al recupero delle salme fino al giugno del 1972. Purtroppo manca tra essi la Medaglia d’Oro al Valor Civile Giannino Caria, un maresciallo incursore del 9° Col Moschin. Di lui ricordiamo il carattere mite e la sua generosità e che immolò la sua giovane vita il 18 novembre 1971, dopo ripetute immersioni alla ricerca dei corpi degli sfortunati commilitoni, restando esamine sul fondo. Pochi saranno quest’anno i genitori che riusciranno a compiere ancora il viaggio della commemorazione a Livorno. Ormai ultraottantenni e provati dal dolore e dal sacrificio di una vita spesa nei lavori pesanti, dai quali i loro diletti figli intendessero alleviare inviando ai propri cari quelle poche migliaia di lire dell’ indennità di aeronavigazione. Ma i fratelli e le sorelle torneranno per un gesto di solidarietà con le famiglie, che con i loro cari trascorsero lunghi mesi al porto Mediceo in attesa di veder tornare un natante con il corpo del congiunto. Molti di loro non avevano ancora venti anni quando vollero mettersi alla prova in un Corpo che era l’elite dell’Esercito. Quella notte non dormirono molto, come si legge dalle lettere giunte successivamente ai propri genitori, sia per la sveglia notturna e sia per l’emozione di dover effettuare un lancio tattico in Sardegna con un aereo inglese, anche se da tutti ambito nella prospettiva di lasciare i vetusti C.119.
“Cold Stream”, corrente fredda, così fu denominata quella esercitazione, che doveva concludersi con il lancio a Villa Cidro, nelle vicinanze di Cagliari. Ancora oggi, sia anziani e più giovani paracadutisti, si domandano come sia potuto succedere che l’Hercules C.130 n. 216 sia potuto precipitare in mare dopo pochi minuti dal decollo dall’aeroporto di San Giusto. Erano le 5.45 quando avvenne l’impatto con le acque fredde e agitate nelle vicinanze dello scoglio della Meloria.
“Gesso 4” non rispose più agli appelli, la tragedia si consumò quando il cielo era ancora buio. Immediatamente scattarono le ricerche ma purtroppo fu compreso da tutti di quale lutto e sventura colpiva i familiari, la Folgore e la città di Livorno. E’ da ricordare la partecipazione della città al lutto cittadino tramite manifesti a firma dell’allora Sindaco Dino Raugi.
La giornata commemorativa inizierà alle ore 8.30, quando il Comandante del 187° Reggimento Folgore, col. Gianmarco Badialetti, riceverà i familiari e a seguire sarà celebrata una Santa Messa di suffragio, officiata dal Cappellano della Folgore, Padre Vincenzo, alla presenza delle S.A. civili e militari cittadine e del Comandante della Brigata, gen. Carmine Masiello. Al termine saranno deposte corone alla Monumento dei Caduti della Meloria di Bandinella e al Cimitero Comunale della Cigna, presso il monumento del San Michele che solleva un caduto dalle acque, nella base del quale sono custoditi i resti degli 11 salme mai recuperate.

Comitato Onoranze Caduti alla Meloria

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Sociale e Solidarietà, Storia. Permalink.

15 risposte a Quel tragico 9 novembre 1971

  1. ezio dice:

    Paolo, mi unisco al dolore di tutti per quei ragazzi FOLGORE.
    Riccardo Gozzi

  2. ezio dice:

    Da facebook

    Doloroso ricordo. Riposino in pace.

    Marcello Morelli

  3. ezio dice:

    da facebook

    Domenico Meucci

    dolore che si rinnova ogni anno. Riposino in pace in quell’angolo di cielo…

  4. ezio dice:

    da facebook

    Paolo Frediani

    Incontrare i familiari e vedere che ogni anno il loro numero si riduce inesorabilmente è una lunga sofferenza. Due familiari mi telefonato per avvisarmi che sicuramente saranno a Livorno l’anno prossimo per il quarantennale.

  5. ezio dice:

    da facebook

    Paolo Pecoriello

    Un pensiero anche per i sottoufficiali che perirono in quella sciagura

  6. ezio dice:

    da facebook

    Mario Frullani

    Di quell’angolino di “”CIELO”” dove riposano insieme a tutti i nostri Cari, Siano la Nostra Guida e Riposino In Pace.

  7. ezio dice:

    Ciao Paolo,
    grazie per quello che fai.
    Non bisogna cadere nell’oblio in questo Paese…
    Per questo abbiamo il triste compito di aggiornare “la banca della memoria degli italiani” o almeno ci tentiamo.
    Spero di averti fatta cosa gradita.
    Ti abbraccio e ti stringo forte forte al mio cuore!
    Ezio

  8. ezio dice:

    da facebook

    Ezio, le tue parole recano il conforto per i momenti tristi che stiamo attraversando. Tu ed io non molleremo mai, abbiamo il DNA Verde Bianco e Rosso.
    Un abbraccio
    Paolo

  9. Campagna Natale dice:

    Onore a Loro ed a quanti muoiono e vivono al servizio della nostra PATRIA

  10. Luca dice:

    Onore alla memoria dei caduti nell’adempimento del loro dovere. 1971: Certo quelli erano bui. Il presunto golpe Borghese era avvenuto l’anno prima e la presunta strategia della tensione era cominciata due anni prima con la strage di piazza Fontana. Spero che sia stata fatta luce anche sull’incidente che ha causato la morte dei 46 gloriosi parà e dei sei inglesi dell’equipaggio.

  11. Stella dice:

    … nelle lacrime e nelle parole tristi dei nostri cari,viviamo la sofferenza che hanno dovuto sopportare in tutti questi lunghissimi anni segnati da una tragica separazione ,che nonostante siano arrivati a 40,non riusciranno mai a farci dimenticare i nostri cari e impavidi angeli.

  12. PASQUALE DIMAIO dice:

    io pasquale di maio 18 19 novembre sorpresi da violenta burasca a8 miglia della meloria da riscatisti fummo riscatati dalla ditta neri io eroii nella palonbina e per motivo forte mareggiata non simo potuti rientrare a bordo de p cavezzale quindi gli ordini ricevuti dal comando di bordo furono di raggiungere il pontone della marina militare che era nel campo boe per incominciare il recupero dell ercule c 130. purtroppo le condizioni metereologiche con forza 7 non permessero di rimanere nel posto ricordo che dovetti lanciare S O S alla nave p cavezzale quale io facevo parte dopo 20 ore in balia delle onde la ditta neri ci porto a porto sicuro gz adio

  13. Stella dice:

    41 anni or sono, all’alba di questa triste notte, il destino strappava alla vita terrena 52 giovani vite.
    Un piccolo pensiero e una preghiera per non dimenticare.

  14. Stella dice:

    Un pensiero speciale anche al maresciallo Giannino Caria che qualche giorno dopo per d sacrificò la propria giovane vita…

  15. Stella dice:

    Un pensiero speciale anche al maresciallo Giannino Caria che, qualche giorno dopo, per loro sacrificò la propria giovane vita…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *