Della perduta Patria

(Carmelo Scimone)

V’è una terra non molto lontano
sempre presente nei miei pensieri
una terra che non è più mia
ma che il nobile sangue dei nostri avi
ha reclamato…
poveri coloni…
voi che faceste di codesta terra fertile giardino
voi che alzaste la fronte
per asciugarvi l’umido sudore
guardando il vostro lavoro
scomparve ogni ruga
ogni solco
ogni segno di dolore
a chi coltiva il biondo grano
non s’addice pallida scorza
ma sul volto mostri
i riflessi della dorata onda
e del vivo sole
voi che pregaste sugli altari degli antichi padri
voi che sopportaste le barbare mani
cacciati dall’elmo del barbaro mirmillone
vi dico…
avanzerà un romano vendicatore
ardito e senza segno di dubbio
e reclamerà per voi tutte le glorie
.

Questo articolo è stato pubblicato in Poesie. Permalink.

11 risposte a Della perduta Patria

  1. Marino Miccoli dice:

    Congratulazioni vivissime a Carmelo Scimone per questa sua struggente quanto significativa lirica che nel leggerla mi ha commosso.
    Credo che la terra “fertile giardino” di cui Egli parla dev’essere l’Istria, l’italianissima Istria.

  2. ezio dice:

    da facebook

    La Pica Franco

    Caro Carmelo,
    mi complimento con te anche per la diversità della trama che tratti. Cari saluti.

  3. ezio dice:

    da facebook

    Marica Ranieri
    bella….. e se la collego alla tua foto,
    del posto dove è stata scattata, mi fa tornare indietro….

  4. ezio dice:

    da facebook

    Giovanni Scimone
    complimenti caro Carmelo
    .. grazie infinite.. sei grande !!!

  5. ezio dice:

    da facebook

    Giovanna Vinciguerra
    Molto bella Cheeeeeeeeeeef!!davvero!!
    opera d’ingegno intellettuale che va tutelata!!

  6. ezio dice:

    da facebook

    Michele Barca

    la schiena curva e le mani incallite di chi coltiva la terra, come il sudore che scende dalla fronte di chi brucia il suo corpo davanti al fuoco, non sono mai ricompensate con la giusta mercede.
    Tutt’altro!
    Poi arriva il solito dritto che… invece di difendere i nostri diritti si appropria dei frutti del nostro sudore, senza rompersi la schiena e senza incallirsi le mani…
    Continua cosi OK.
    Ciao Michele

  7. ezio dice:

    da facebook

    Attilio D’Agostino
    Complimenti Carmelo 🙂

  8. ezio dice:

    da facebook

    Carmelo Valentino

    grazie Carmelo,molto bella.

  9. ezio dice:

    da facebook

    Tino Bambara

    sconoscevo questa tua vena artistica. Complimenti!

  10. ezio dice:

    da facebook

    Dany Danili
    Sono felicissima ogni volta che mi fai leggere una tua poesia sei estremamente bravo..susciti emozioni e nn è poco…vero firmale e raccoglile sarebbe un peccato perderle così…bacioni e grazie mille ♥

  11. ezio dice:

    da facebook

    Pippo Buciuni

    che bello !! complimenti anche da parte mia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *