Sul fazzoletto nero nella divisa della Marina

di Marino Miccoli


Una volta chiesi ad un anziano “cannoniere” quale fosse  la funzione o il significato del fazzoletto nero indossato sotto il solino, quello per intenderci che viene annodato sul camisaccio della divisa dei marinai.
Il compianto signor Luigi Scarciglia (classe 1910),  così si chiamava, mi rispose che si trattava di un segno di lutto per la morte del conte Camillo Benso Conte di Cavour.
A detta dell’esperto Marinaio, l’allora neonata Regia Marina, ritenne opportuno celebrare lo statista Italiano che tanta parte ebbe nel realizzare l’Unità d’Italia.
Infatti nel 1861, allorquando era Presidente del Consiglio nonché Ministro della Marina, in un suo discorso in Parlamento ebbe a dire:
“ […] Voglio delle navi tali da servire in tutto il Mediterraneo, capaci di portare le più potenti artiglierie , di possedere la massima velocità, di contenere una grande quantità di combustibile […] Consacrerò tutte le mie forze e la mia influenza parlamentare affinché l’organizzazione della nostra Marina Militare risponda alle esigenze del Paese.
Sempre secondo quanto riferito dal mio amico cannoniere, il Conte, alla sua morte, elargì un cospicuo lascito proprio in favore dell’Armata di Mare.
Da qualche altre parte ricordo invece di aver letto che il fazzoletto nero era indossato in segno di lutto per la sconfitta di “Lissa”, ma c’è chi sostiene che fosse portato dai marinai anche precedentemente a quella funesta data.
In altri articoli ho avuto modo di apprendere  che l’indumento servisse a nocchieri e cannonieri della Marina velica per pulirsi le mani dal grasso.
Chiunque abbia altre informazioni in merito al significato e alla funzione del “fazzoletto nero,  indossato ancor’oggi dai Marinai, può lasciare una traccia di commento a questo articolo.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Storia. Permalink.

4 risposte a Sul fazzoletto nero nella divisa della Marina

  1. anmisora dice:

    Ho messo. nel nostro sito, una spiegazione sulla nostra divisa. Non essendoci, come spiegato, una casistica il tutto è frutto di “sentito dire”. Sarei grato se qualcuno volesse integrare o correggere le asserzioni scritte.
    Per maggior facilità posto direttamente la pagina:
    http://www.anmisora.it/divisa.html
    Cordialmente
    Antonio Corsi

  2. Giovanni dice:

    Confermo, sono un ex marinaio di leva, (8/61) ed al car a Spezia ci venne spiegato proprio, che era il lutto al conte Camillo Benso di Cavour, mentre le righe bianche sul solino azzurro, sono le flotte distrutte in guerra, (2 per l’Italia, 3 per USA, ecc), e la corda, che si stringe al fazzoletto nero, era da usare in caso di cattura, (per impiccarsi), nel berretto, di fianco alla scritta Marina Militare, oppure Nave …….X c’ è la coccarda, tutta nera, ma pur sempre in tre pieghe.

  3. Antonino dice:

    Divise marinaresche di tutte le marine del mondo.
    Un fazzoletto era spesso indossato al collo (Royal Navy), lo ritroviamo in quasi tutte le marine, aperto sul retro come un fazzoletto, per proteggere la parte posteriore del collo dal catrame o dal grasso sui capelli. E ‘stato utilizzato anche come una fascia dalle squadre di cannonieri. Fino all’avvento della divisa standard nel 1857 (Regno Unito) in seta, lino o cotone era spesso un articolo colorato per lo più di colore rosso o blu, con molti disegni differenti stampati su di esso. Molti erano neri o giù di lì, utilizzati per pulire le mani dal costante contatto con il catrame utilizzato sul sartiame della nave.

    Un Caro saluto

  4. Giovanni Basile dice:

    Confermo cio che ha riferito Giovanni. Anche io dell’ 8-61 a Spezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *