La compagnia di navigazione Tirrenia

di Giandomenico Mereu

La storia
È nata il 17 dicembre 1936 a Napoli con il nome di Tirrenia – Società Anonima di Navigazione. In seguito diventa Tirrenia – Società per Azioni di Navigazione, poi assume l’attuale denominazione. Controllata dal Ministero dei Trasporti tramite Finmare del gruppo IRI sino al 2002 data della segmentazione e privatizzazione dell’ente statale, oggi sempre sotto il controllo dello Stato tramite Fintecna, la quale ha il compito di traghettare la compagnia marittima alla privatizzazione. Il futuro dell’azienda è messo in discussione visti i bilanci passivi da diversi anni, e relativo indebitamento. Viene quindi ipotizzata una progressiva privatizzazione e vendita dell’azienda a partire dalle società regionali ad essa collegate. L’operazione è stata più volte proclamata dai vari governi, ma di fatto reso difficile oltre che dalle organizzazioni sindacali, anche dall’importanza che la società pubblica è incaricata a svolgere. Oggi Tirrenia soffre molto l’agguerrita concorrenza delle compagnie private, soprattutto sui collegamenti con le isole minori. Alcune rotte con maggior traffico per permettere una maggiore e più concorrenziale flessibilità tariffaria sono state messe fuori convenzione come le rotte Civitavecchia-Olbia, Genova-Porto Torres e Palermo-Napoli. L’azienda di stato ha per ora la concessione sino al 30 settembre 2010, data in cui la società dovrà essere privatizzata. Il 6 novembre 2008 il Consiglio dei ministri Berlusconi IV ha dato deliberato il via alla privatizzazione di Tirrenia di Navigazione S.p.A.. Ora essa dovrà essere vagliata dalle Commissioni Parlamentari [1]. Il 23 dicembre 2009 Fintecna S.p.A. avvia la procedura per la cessione dell’intero capitale sociale di Tirrenia, comprensiva della controllata Siremar, mediante Invito a manifestare interesse all’acquisto di n. azioni 108.360 rappresentanti l’intero capitale sociale di Tirrenia di Navigazione S.p.A.. Il bando scadrà alle ore 12 del 19 febbraio 2010. Nel bando di gara hanno partecipato ben sedici società, tra cui Snav (con a capo a Gianluigi Aponte), Grandi Navi Veloci, Grimaldi Lines, Moby Lines (dell’armatore Vincenzo Onorato), Ustica Lines, Corsica Ferries (di proprietà dell’ armatore corso Pascal Lotà), la greca TTLines, e la cordata Mediterranea Holding (dove è presente la Regione Sicilia nel 37% delle quote). Quest’ultima si trovera sola, dopo che tutte le partecipanti si sono via via ritirate. Il 28 luglio 2010 Mediterranea Holding si aggiudica l’acquisizione di Tirrenia e Siremar.

L’amministrazione capitanata dal 1984 dall’amministratore delegato Franco Pecorini, è stata inoltre criticata per investimenti costosi e risultati sbagliati, come la commessa nel periodo 1996 – 1997 di quattro costosissimi traghetti superveloci di grandi dimensioni, utilizzati per breve tempo ed ora accantonati in disarmo e di difficile vendita, dato gli onerosi costi di gestione di queste navi, e altre navi veloci di piccole dimensioni utilizzate dalle società regionali.

La flotta
Nuraghes / Sharden
Bithia / Janas / Athara Vincenzo Florio / Raffaele Rubattino
Aurelia / Clodia / Nomentana
Domiziana / Flaminia
Isola di Capraia
Toscana
Espresso Catania / Espresso Ravenna
/ Lazio / Puglia / Via Adriatico

Collegamenti
ARBATAX
Arbatax – Olbia e v.v.
Arbatax – Genova e v.v.
Arbatax – Civitavecchia e v.v.
Arbatax – Cagliari e v.v.

BARI
Bari – Durazzo e v.v.

CAGLIARI
Cagliari – Trapani e v.v.
Cagliari – Civitavecchia e v.v.
Cagliari – Arbatax v.v.
Cagliari – Napoli e v.v.
Cagliari – Palermo e v.v.

CIVITAVECCHIA
Civitavecchia – Olbia e v.v.
Civitavecchia – Arbatax e v.v.
Civitavecchia – Cagliari e v.v.

DURAZZO
Durazzo – Bari e v.v.

GENOVA
Genova – Arbatax e v.v.
Genova – Olbia e v.v.
Genova – Porto Torres e v.v.
Genova – Tunisi e v.v.

NAPOLI
Napoli – Palermo e v.v.
Napoli – Cagliari e v.v.

OLBIA
Olbia – Arbatax e v.v.
Olbia – Genova e v.v.
Olbia – Civitavecchia e v.v.

PALERMO
Palermo – Cagliari e v.v.
Palermo – Napoli e v.v.

PORTO TORRES
Porto Torres – Genova e v.v.

ISOLE TREMITI
Termoli – Tremiti
Vieste – Tremiti
Manfredonia – Tremiti
Manfredonia – Vieste
Tremiti – Termoli
Tremiti – Vieste
Tremiti – Manfredonia
Vieste – Manfredonia

TRAPANI
Trapani – Cagliari e v.v.

TUNISI
Tunisi – Genova e v.v.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Marinai, Recensioni, Storia. Permalink.

4 risposte a La compagnia di navigazione Tirrenia

  1. stella dice:

    vorri sapere se possibile come si chiama il ragazzo che puliva i bagni e le cabine il giorno 7 settembre 2010 delle ore 12:00 che partiva da olbia nella nave tirrenia sharden. grazie

  2. ezio dice:

    Gentilissima lettrice,
    non sono in grado di poterLe dare questo tipo di risposta.
    Sono certo che alla Compagnia Tirrenia saprà darle adeguata risposta.
    Distinti saluti
    Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

  3. flavio dice:

    sono io

  4. pasquale dice:

    salve,sono un marittimo e che lavorava con voi,ho lavorato sullo SHARDEN,vorrei sapere perche non chiamate piu cioe perche il turno generale lo avete levato ,un altra cosa potrei sapere come avete fatto il turno generale di riserva””?con quali criteri lo avete fatto,come avete fatto a scegliere i marittimi,io chiedo scusa pero mi sa che questa e un altra macchietta cioe in poche parole avete fatto sto turno senza sapere niente,chi e stato fortunato a prendere sto turno cioe volevo dire raccomandato,se no nn potevate fare cio ke avete fatto,non e giusto ,avete fatto na cosa ingiusta per tutti noi del turno generale,non si fa cosi,avete rimasto a casa persone senza lavoro,persone ke hanno navigato cn voi 10anni e avete preso persone ke hanno appena 20giorni di imbarco,grazie sig.onorato,grazie anche allo stato di merda ke ci ritroviamo,scusate del termine ma siete pezzi di merda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *