Catturavano le meduse per il ristorante cinese

di Angelo Moscato


POLICORO – Tre cinesi sorpresi l’altro ieri dalla Guardia costiera a raccogliere meduse al lido di Policoro, tra i bagnanti. Il loro intento non era quello di liberare lo specchio di acque antistanti dai fastidiosi animali, appetiti in modo particolare dalle tartarughe marine e quindi preziosi nella catena alimentare, ma approvvigionare la cucina di un ristorante cinese di un ingrediente base per la preparazione di originali piatti tipici. Le meduse, infatti, vengono utilizzate dai cinesi per fritture e insalate. Raccolta la segnalazione, il personale della sala operativa ha richiesto un approfondimento. E così quando un’autopattuglia è giunta sul posto, il motivo della caccia alle meduse è stato accertato. I tre pescatori sono stati sanzionati con un verbale amministrativo di 1000 euro per pesca in zona non consentita, in quanto destinata alla balneazione, e si è provveduto al sequestro di 30 kg. di prodotto, oltre agli attrezzi utilizzati per la pesca illecita. Sempre nella giornata di mercoledì, è stata soccorsa una coppia di diportisti, partiti da Gallipoli e diretti a Policoro con una imbarcazione a vela di 7 metri, che a circa 12 miglia dal porto degli “Argonauti”, a causa di una avaria al motore, erano finiti alla deriva. Giunta la loro richiesta di soccorso, l’equipaggio di un gommone oceanico CP A85 in dotazione alla Guardia costiera ha prestato assistenza ai naufraghi rimorchiando la loro imbarcazione nel porto di Policoro grazie anche all’ausilio di un motopeschereccio che si trovava nelle vicinanze.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *