Antonella Clerici

Giulio Serri (responsabile “Antonella Clerici official site”)

Agli uomini è molto semplice far piacere una donna. Per ispirare simpatia ad un bambino invece ci va maggiore impegno, bisogna far leva su certi punti focali con maggiore incisività. Ma una donna in televisione per piacere alle donne non può avere strategie: o piaci o non piaci. E’ questo il caso di Antonella , che non solo è amata dal pubblico trasversalmente, ma piace senza mezzi termini per la sua estrema naturalezza. Perché Antonellina nazionale non ci fa, ci è (ve lo garantisco).E a me piace per questo. Antonella Clerici nasce a Legnano in provincia di Milano il 6 dicembre del 1963, e odierà di certo l’autore di questo articolo per aver detto senza mezzi termini la sua sempre celata e difesa età .Ora Antonella è una splendida quarantenne che tra il giornalismo sportivo e la conduzione televisiva in più di vent’anni di lavoro si è aggiudicata un posto fisso nel panorama storico delle icone Rai. Diplomata al liceo classico,laurea in Giurisprudenza dopo la lunga militanza nel giornalismo fin dal 1983 (Telereporter,Dribbling, Domenica Sprint, Telegoal, Uno mattina (1998 con Luca Giurato), Occhio al mondiale e Domenica In (1998 accanto a Fabrizio Frizzi).Il vero passaggio al mondo dell’intrattenimento e della conduzione avviene nel 2000, quando passando in casa Mediaset alla conduzione di programmi come “Ma quanto costa?” (durato circa tre mesi su Rete4) e A tu per tu , un format al femminile di Canale5 al fianco di Maria Teresa Ruta. Ritorna in Rai nell’Ottobre del 2000 alla conduzione de “La prova del cuoco”, il suo vero trampolino di lancio verso il grande pubblico. L’imbarazzo iniziale di far destreggiare una giornalista sportiva tra i fornelli è diventato in pochissimo tempo il suo cavallo di battaglia che l’ha resa famosa: lo stonato risultato nel mettere in un programma di cucina una presentatrice che non sa cucinare. Ed è qui che si costruisce il “fenomeno Clerici”, un personaggio che si è distinto per una forte e immediata empatia affettiva con il pubblico, basata sulla schiettezza, l’autorevolezza senza dispotica autorità e una goffaggine naturale che si mescola con la bellezza di un primo piano pieno di solarità e un fisico morbido che sa essere sensuale e piacente. Come spesso accadeva qualche anno fa a tutti i conduttori reduci da un grande successo televisivo, le vengono affidati altri format, sperando che il pubblico trascinato da un conduttore in un programma possa spostarsi anche alla luce di un nuovo contesto televisivo. Nel 2003 conduce Adesso Sposami, programma nel quale partecipano giovani coppie di fidanzati che si promettono l’unione in matrimonio in diretta, che ebbe un ottimo successo nella prima edizione tanto da essere bissato l’anno successivo. Nel 2005 tenta la strada del reality show con “Il ristorante”, il primo reality di Raiuno che ha scatenato molte polemiche ma che ha avuto invece buoni risultati in termini di ascolti. L’immagine fresca di prima serata la accompagna senza troppi indugi alla co-conduzione della 55esima edizione del Festival di Sanremo con Paolo Bonolis, dove ha tirato fuori tutta la sua ironia e la sua femminilità, risultando ai fatti decisamente più bella e affascinante della giovane modella Federica Felini. Il pubblico la desidera e la dirigenza Rai le affida da Gennaio a Marzo 2006 “Il treno dei desideri”,prima edizione del people show ispirato ad un format francese “Le reve d’un jour” che si pone l’obiettivo di esaudire i piccoli e grandi desideri della gente comune, escludendo il pagamento del mutuo, la ricerca di un lavoro e di una casa. Dal 27 Marzo del 2006 prende il timone del game show “Affari Tuoi”, una parentesi rosa che lascia orfano Pupo, probabilmente nel tentativo di risollevare gli ascolti in discesa del programma,intento riuscito. Alla conclusione della seconda edizione di successo del Treno dei desideri e al timone per il settimo anno de La prova del cuoco, Antonella sta vivendo un momento davvero d’oro sia nella vita lavorativa che in quella sentimentale. Dopo i primi tentennamenti, la sua storia d’amore con il giovane animatore turistico Eddy Martens, conosciuto la scorsa estate in quel di Marrakech, è diventata una ciliegina sulla torta personale di quest’artista. Con due matrimoni alle spalle (prima con il giocatore di basket Pino Motta poi con il produttore Sergio Cossa), Antonella è rinata grazie al suo giovane amore, brandendo fiera la spada di una love story atipica. La sua infantile affezione per pupazzi e canzoncine, il suo essere così schietta, forse fin troppo, e il fascino di una bellezza dalle forme tutte italiane, unito alla grande volontà di mettersi in gioco nella vita e nel lavoro, la rende a livello critico quasi inattaccabile. Sinceramente mi stupisco a volte del fatto che molte giovani aspiranti starlette del mondo dello spettacolo prendano come unico esempio da seguire a livello di conduzione solo le veline dimenticando che se avessero solo un decimo della preparazione e della personalità della Clerici, sarebbero già sulla buona strada per il successo, invece di rovinarsi la reputazione. A settembre 2007 conduce la terza edizione de “Il treno dei desideri” abbinato alla Lotteria Italia e per l’ottavo anno consecutivo è regina del day-time con “la prova del cuoco”.Da sabato 5 aprile 2008 è ancora mattatrice del sabato sera di RaiUno con il programma musicale “Ti lascio una canzone”, gara canora tra piccoli talenti tra gli 11 ed i 16 anni. Il 3 settembre 2008 annuncia con grande gioia la sua gravidanza. A settembre è di nuovo in onda su Raiuno con la nona edizione de “La prova del Cuoco” e “Tutti pazzi per la tele”, sei puntate in prima serata che intendono raccontare i protagonisti della tv di ieri e di oggi. Il 13 Dicembre 2008 lascia temporaneamente il piccolo schermo per vivere serenamente il periodo di maternità. Il 21 febbraio 2009 nasce la sua primogenita Maelle. Il 4 aprile torna su Raiuno con la seconda edizione di “Ti lascio una canzone”: nove puntate con picchi di share oltre il 40%. Il 16 aprile apprende che la direzione di Raiuno non ritiene opportuno un suo ritorno a “La prova del Cuoco”, così come accordato a maternità conclusa. Nel maggio 2009 è autrice del libro “Cucciolo di mamma”. Il 2 settembre la Rai ufficializza la conduzione di Antonella per la sessantesima edizione del festival di Sanremo. La stagione televisiva non comincia nel migliore dei modi: la direzione di rete non ritenendo opportuno un cambiamento in palinsesto sospende, infatti, per bassi indici d’ascolto “Tutti pazzi per la tele” dopo sole due puntate. Dal 16 al 20 febbraio 2010 è la quarta donna a salire sul palco del teatro Ariston: il sessantesimo festival di Sanremo è un successo di critica e di ascolti, superiori all’edizione del 2009. Il 27 marzo 2010 torna in diretta dall’Auditorium Rai di Napoli con la terza edizione di “Ti lascio una canzone”. Nel febbraio 2010 esce “Aspettando Te”: il libro dove racconta gioie e dolori della sua maternità . Il 17 maggio 2010 annuncia dal palco del Salone Internazionale del Libro di Torino il suo ritorno a “La prova del Cuoco” a partire da settembre.

Questo articolo è stato pubblicato in Recensioni, Un mare di amici. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *