Stasi temporanea

(Antonio Fontana) (*)


Volutamente quasi ermetica ….

hai messo i sogni in stasi
deciso di salpare per l’oblio
dura ed aspra menzogna
di naufrago eremita

raggiungi quella falsa estasi
quasi vernice screpolata
al tatto di mano spellata
assurdo puntello di anima in pena

sei dritto davanti al brusio
di una notte
di scalmi segati
da remi spezzati

tra flutti di pece
appena dipinti
nemmeno le stelle quelle più ardite
attraversano indenni la coltre
di stoffa

sorretto da quell’anelito soffio
di brezza marina
che penetra ossa e conchiglie

simulacro di fievole luce
persino la luna si assenta
sgomenta
di innanzi al vibrante tremore
di un cuore tremante

quel sonno profondo
si è sciolto alla brina
di primo mattino

un’ombra allungata
infine spezzata
riporta la temporanea sosta
ad un stanco risveglio.

(*)
www.webtony.it

www.lafeniceact.altervista.org
www.alidiluce.splinder.com
www.cuoremigrante.altervista.org
www.procivmarta.altervista.org

Questo articolo è stato pubblicato in Poesie. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *