La missione del giovane cavaliere

di Marino Miccoli (*)

Ringrazio Paola, Roberto,Giovanni, Francesco, Carlo Gigi e tutti gli amici per i loro positivi commenti che hanno voluto lasciare sul blog de LA VOCE DEL MARINAIO, riguardo al mio modestissimo scritto intitolato LA MISSIONE DEL GIOVANE CAVALIERE.
Mi hanno fatto piacere, così come squisita è l’accoglienza riservatami dal padrone di casa:
Ezio Vinciguerra.
Come lui, anch’io amo scrivere.

Grazie per i vostri apprezzamenti e buona lettura.


Questo articolo è stato pubblicato in La missione del giovane cavaliere. Permalink.

12 risposte a La missione del giovane cavaliere

  1. paola dice:

    molto bello e ben descritto,merita di essere continuato,anche perchè rende curioso il lettore sulla vicenda

  2. Roberto Cannia dice:

    San Giorgio è il patrono del paese in cui vivo adesso. Questa è una bellissima storia, desidero continuare a leggere il seguito…

  3. Penso che sia una bella storia.
    Mi piace molto. Vai avanti.

  4. Francesco dice:

    Non si fa così ci lasci a metà. Non la so questa storia, vai avanti……….

  5. gigi fois dice:

    Direi di si! Procedere senza induggi, col seguito della storia. E’ coinvolgente, di descrizione chiara… mi piace….

  6. Carlo Mignogna dice:

    una storia bellisima e appassionante, bravo Marino continua così

  7. giuseppe dice:

    ho curiosità di conoscere la tipologia di cena che si apprestano a consumare.
    che continui pure,ti prende già alle prime righe.

  8. ezio dice:

    Ringrazio Paola, Roberto,Giovanni, Francesco, Carlo Gigi e tutti gli amici per i loro positivi commenti che hanno voluto lasciare sul blog de LA VOCE DEL MARINAIO, riguardo al mio modestissimo scritto intitolato LA MISSIONE DEL GIOVANE CAVALIERE.
    Mi hanno fatto piacere, così come squisita è l’accoglienza riservatami dal padrone di casa:
    Ezio Vinciguerra.
    Come lui, anch’io amo scrivere.
    Prima di continuare con la parte restante del I Capitolo del breve romanzo, mi preme dirvi che è tutta farina del mio sacco! Per scriverlo, siccome si tratta di una vicenda ambientata nell’alto medioevo,
    esattamente alla fine dell’Anno Domini 1187, quando le Puglie così come tutto il resto del Meridione d’Italia, erano parte integrante del Regno normanno di Sicilia. Ho dovuto fare perciò una ricerca storica e documentarmi bene sugli usi, la moneta, l’alimentazione, i personaggi (ad eccezione dei protagonisti) i quali corrispondono a quelli che
    effettivamente vissero in quell’epoca. Era un’epoca fiorente per l’intero Sud-Italia, che fu riunito sotto la corona di Guglielmo II detto “il Buono” e la capitale era la splendida città di Palermo.
    Nel Meridione gran parte delle più belle cattedrali furono edificate in quel periodo storico a cui i Normanni assicurarono una stabilità politica ed
    economica.
    Ma ora basta… torniamo al mio breve romanzo storico.
    Ah! …quasi mi scordavo di dirvi che l’ho scritto di getto, in 1 mese di tempo e in primis lo dedico a mia figlia, la piccola Martina.
    Continuiamo insieme questo nostro viaggio nel Meridione dell’alto medio-evo.
    Grazie per i vostri apprezzamenti e buona lettura.

  9. Rossana Tirincanti dice:

    ….lo seguo molto volentieri ….e rimanere a metà lascia la curiosità di leggerne la fine ! Scritto molto bene , di facile lettura e ricco di particolari storici , che rendono il racconto
    molto interessante ed istruttivo ! Sarebbe un vero peccato lasciarlo a metà …se non altro per un certo dovuto a chi ha dedicato con piacere la lettura della prima parte !!!
    Ringrazio te Ezio ….che ti fai fautore di così belle iniziative !

  10. marino miccoli dice:

    Grazie dell’apprezzamento, Rossana.
    Spero, nei prossimi capitoli, di non deludere le aspettative di chi, come Lei, ama leggere… anche un modestissimo e breve romanzo quale è quello che ho scritto io.
    Cordiali saluti.
    Marino Miccoli.

  11. Nick dice:

    Ancora ancora

  12. marino miccoli dice:

    Grazie Nick!
    Sono lusingato che a un esperto di subacquea, abituato alle PROFONDITA’ come è Lei piaccia il mio romanzo. Vuol dire che allora esso è veramente un romanzo PROFONDO!!!!!
    A risentirLa con piacere.
    Marino Miccoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *