L’albero dei rami secchi

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra


La vita è fatta di sogni, di desideri, di speranze così come è fatta di dolori, di gioie, di esperienze e di crescita interiore.
E’ difficile dire ciò che è giusto e ciò che non lo è nel momento in cui si presentano i deserti dentro il cuore. Vuoti mai colmati.
Spesso le emozioni offuscano il nostro giudizio razionale e ci fanno percorrere strade che non vorremmo visitare.
Quello che conta nel corso della vita è capire perché si è sbagliato e non ripetere gli stessi errori. Noi maturiamo attraverso gli errori e invecchiamo attraverso gli errori.
Quante volte ci siamo detti di voler cambiare?
Quante volte rinviamo questo cambiamento all’infinito perché non ci sentiamo mai abbastanza pronti?
Quante volte la vita ci sorprende cambiandoci?
Nessuno può agire per noi. Ognuno ha dentro di sé l’energia per realizzare ciò che desidera.
Il primo passo da compiere è quello di essere disposti a cambiare noi stessi, cambiare quello stato d’animo che ci fa sentire il senso di colpa, di isolamento, di separazione, di solitudine, di rabbia, di paura e di dolore.
A volte, quando le persone ci feriscono o ancora peggio quando ci abbandonano, quando un “tradimento” può cambiare una persona, ti senti vuoto dentro. E ti senti vuoto anche quando sei tu a tradire e allora ti vengono i sensi di colpa.
Serve solamente cambiare quegli atteggiamenti che causano diffidenza verso il futuro e che condizionano la nostra mente.
E’ importante domandarsi: quali rami secchi è bene potare dalla nostra vita?

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Racconti, Sociale e Solidarietà. Permalink.

2 risposte a L’albero dei rami secchi

  1. ezio dice:

    Vittorio V. Alberti 06 maggio alle ore 10.43
    hai sempre le parole giuste. grazie mille. a presto e spero che tu e i tuoi stiate bene.
    patria e onore, quello vero!

  2. Roberta dice:

    E’ vero che il passato … è passato!
    Dal passato si può imparare, ma questo non deve sostituirsi al presente.
    E’ vero, alcuni rami secchi vanno perciò tolti, altrimenti quegli errori non ci permettono di proseguire sereni e di cambiare cercando sempre di migliorarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *