Gli ostacolatori e la parolaccia

di Marina Sagramora

L’opera che tutti dovremmo fare, non è quella di attaccare personaggi politici appartenenti ad una fazione piuttosto che a un’altra. Noi dobbiamo cercare di armonizzare gli opposti, non di contrapporci.
La contrapposizione è sempre l’errore. a noi deve interessare il costruire insieme nonostante le apparenti divisioni ideologiche. Alla lunga, maturando una maggiore consapevolezza, capiremo che le vere contrapposizioni si sciolgono come neve al sole quando arriviamo alla realtà sovrasensibile dei fatti: che è la vera essenza di ogni evento.
Se seguiamo la Via del Cristo, quella che ci è stata indicata dai nostri Maestri, comprendiamo il grande errore della politica e le mistificazioni ad ogni livello che ne derivano. Il fatto di metterci l’uno contro l’altro rafforza i poteri occulti, che lavorano tirando le fila dei politici, dell’una e dell’altra parte.
Non se ne salva nessuno! Devono tutti farci una grande pena, perché “non sanno quel che si fanno”…
Noi dobbiamo invece rafforzare la nostra capacità di comprensione attraverso gli esercizi di formazione interiore. Bisogna meditare, fare la concentrazione, l’esercizio della volontà, quello dell’equanimità e dell’assenza di giudizio. Se sapremo portare avanti questo impegno con la stessa tenacia usata dagli “Ostacolatori”, potremo fare molto anche perché la politica cambi totalmente e si faccia strada la soluzione per il vero sviluppo sociale: la Tripartizione.
Un’altra cosa, che dico a tutti quelli che si dichiarano antroposofi, seguaci della Via dello Spirito, e che scrivono su Facebook: il turpiloquio è demoniaco.
Quando parlando, o scrivendo, usiamo parole volgari, facciamo entrare un essere dentro di noi che ci possiede. L’uomo che conosce la potenza formatrice della parola, l’uomo che sa che la Parola ha creato il mondo in cui viviamo, rispetta e ama la parola.
L’Ostacolatore invece la disprezza, e attraverso la “parolaccia” distrugge ogni lavoro di sviluppo interiore. Possiamo trasformare i corpi sottili in noi solo con la devozione e la sacralità in ogni momento e atto della vita.

Questo articolo è stato pubblicato in Racconti. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *