Angelo

(Francesco Renga)


Notte fonda
senza luna
e un silenzio che mi consuma.
Il tempo passa in fretta
e tutto se ne va…
preda degli eventi e dell’età
ma questa paura per te non passa mai.
Angelo, prenditi cura di lei;
lei non sa vedere al di là di quello che da.
E’ l’ingenuità è parte di lei…
che è parte di me.
Cosa resta
del dolore
e di preghiere, se Dio non vuole?
Parole vane al vento,
ti accorgi in un momento:
siamo soli… è questa la realtà?
Ed è una paura che… non passa mai.
Angelo, prenditi cura di lei
Lei non sa vedere al di là di quello che da.
E tutto il dolore
che grida dal mondo
diventa un rumore
che scava, profondo…
nel silenzio di una lacrima.
Lei non sa vedere al di là di quello che da.
L’ingenuità è parte di lei…
che è parte di me.

Questo articolo è stato pubblicato in Il mare nelle canzoni. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *