Amore da condividere e odio da distruggere

di Andrea Lato

Cari amici del marinaio,
sono qui per condividere insieme a voi un mio pensiero che può aiutarci a riflettere sulla nostra quotidianità. Spesso l’uomo pone davanti a sé degli obbiettivi razionali da raggiungere per compiere come “da protocollo” la sua giornata, però a volte quando qualcosa non và per il verso giusto è proprio allora che ci si sofferma a pensare a qualcuno che ha riempito la nostra vita con qualche dono.
Ricordiamo i sorrisi, i volti di gioia e perché no anche i gesti d’amore di quei momenti così ricchi di eterno gaudio e spensieratezza; vorreste anche nello stesso pensiero ricevere un forte abbraccio che vi doni quella sicurezza e pace che ricercate forse da troppo tempo.
Purtroppo su questa GRANDE PIAZZA virtuale, capita molto spesso di leggere milioni di frasi che io ho definito “buie”, perché inglobano una forte tristezza dell’uomo, la quale va sfociando col tempo in rancori, gelosie e puro odio verso sé stesso e il suo prossimo. Il mio grido è questo: “Non condividiamole ma aboliamole!” Perché vi è così difficile condividere un sorriso o una mano? Eppure l’abbraccio che l’uomo cerca costantemente, è amore che nega a se stesso! Ribelliamoci con ogni mezzo a questi modelli di violenza gratuita difendendo i valori della vita che vengono calpestati quotidianamente!
Ricordatevi sempre che Noi giovani siamo il futuro dell’umanità e l’odio conosciuto da chi ci ha preceduto non è mai un bagaglio da ereditare!

Questo articolo è stato pubblicato in Racconti. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *