Quando è primavera

(Giuseppe Messina)

La vita è in festa quando è primavera
ed è tempo di sogni colorati;
mai vorrei giungesse la sera,
tanto sono i miei occhi incantati.

Tiepido sole chiama a sé i germogli,
i prati si tinteggiano di giallo
intorno ad alberi ancora spogli
quando Persefone giunge a cavallo.

Ecco Demetra ravvivata in viso;
Plutone gli ha riportato la figlia,
la sua gioia, il suo sorriso;
bellezza che ciascuno meraviglia.

Tutto è riconsegnato all’allegria
suscitata dai tanti colori.
Tutto intorno ispira poesia,
ma soprattutto il profumo dei fiori.

Sfacciata, si riaccende la mimosa,
è lei, come sempre, l’inverno sfida,
è lei, ancora più rigogliosa,
non bada al freddo e funge da guida.

Rappresenta tra gli alberi e i fiori
il giusto simbolo per ricordare
tragici fatti, e non certo amori,
non più recenti, ma fanno pensare.

A tanti come me, ne sono certo,
piace sentire, a sera, il gelsomino
nel rimanere un po’ più all’aperto
sfidando la zanzara e il moscerino,

quando sospirano gli innamorati,
prigionieri del magico momento,
stando dietro le siepi imboscati,
trasportati su un alito di vento.

La primavera, gravida natura,
tiene il futuro frutto in embrione,
tale e quale una nuova creatura,
tanto da indurre alla riflessione.

Nell’affacciarmi ad una finestra
difficile è spiegare cosa provo;
al profumo del fiore di ginestra
resto incantato e più non mi muovo.

Mi perdo, mi confonde la natura
tra alberi vestiti già a festa
e rondini tornati con premura
che volano sopra la mia testa.

Di fronte a tanta parte dell’eterno,
scosso ancor più di una foglia al vento,
metto da parte il freddo, triste inverno
e vivo l’allegria del momento.

In festa è la natura a primavera,
riporta tanti sogni colorati,
tramonta più tardi la rossa sfera
mentre gli occhi restano incantati.

Ciao Ezio. Ti invio questa mia poesia che sarà letta dagli studenti dell’Ist. Prof. di Stato per L’Agr. e L’Ambiente di Barcellona Pozzo di Gotto durante la festa della primavera il 30 p. v.
Un fraterno abbraccio. Giuseppe Messina.

E’ bellissima Giuseppe, come del resto tutti i tuoi lavori. Si avverte sia nella poesia che nella pittura un attaccamento ai valori della vita con i colori e i sapori tipici della nostra amata terra di Sicilia.
Non voglio ingraziarmi con te, le cose che penso le dico. Molte volte, spesso, questa mia sincerità è stata causa di incomprensioni con “persone” e parenti. Penso dunque esisto (…non è mia la frase naturalmente) ma se c’è qualcosa che non è di mio gradimento cerco di comunicarlo con spassionata sincerità (a volte anche per gradi alzando di volta in volta il vero significato delle parole). Non so perché ti dico questo ma sentivo di confidarmi come un padre (che purtroppo ho perso quando ero bambino) con il figlio e viceversa.
Sappi che per me sei troppo prezioso come tutte le persone di cultura… e nelle persone di cultura c’è sempre da imparare qualcosa.
Grazie Giuseppe
P.s. che il Supremo ti conservi sempre l’integrità morale ed etica e la voglia sempre di amare il prossimo tuo come te stesso (…non ha importanza se tu credi o meno perché in verità, in verità ti dico che c’è tanta luce splendente in te).
Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Questo articolo è stato pubblicato in Poesie. Permalink.

7 risposte a Quando è primavera

  1. Rossana Tirincanti dice:

    …splendida poesia , l’autore trasmette con semplicità le sue sensazionei e le sue emozioni di fronte allo spettacolo che ci offre la natura con l’arrivo della primavera !
    Nel leggerla , provo la netta senzazione di sentire il tepore del sole …il profumo del gelsomino e quello dolcissimo della mimosa ! Ne vedo i colori …e godo dell’incanto che con tanta maestria è riuscito a farmi provare !
    Grazie !

  2. ezio dice:

    Carissima principessa,
    Giuseppe Messina oltre ad essere autore di molti libri è soprattutto pittore e scultore. Mi ha voluto omaggiare ed impreziosire quindi questo piccolissimo blog.
    C’è tanta luce nei suoi lavori e, secondo me, si avverte il profumo e la cultura di Sicilia… dimenticavo di dirti una cosa importante: Giuseppe Messina è anche l’autore della scultura dedicata a Luigi Rizzo Premuda nella sua natia città di Barcellona.

  3. Carissimo Ezio, permettimi di cerreggere. il monumento all’eroe della prima guerra mondiale Luigi Rizzo si trova sul porto di Milazzo, città natale dello stesso e non a Barcellona Pozzodi Gotto che è la mia città natale.
    Con affetto.
    (Giuseppe Messina)

  4. Rossana Tirincanti dice:

    …ti ringrazio Ezio di avermi dato modo di conoscere un talento come Ezio Messina ….mi riempie sempre di gioia venire a conoscenza di personaggi noti e di grande spessore artistico !

  5. ezio dice:

    Penso di aver fatto un pochino di confusione e chiedo scusa alla principessa Tirincanti in Fraternale e soprattutto al mio amico Giuseppe Messina che è nativo di Barcellona Pozzo di Gotto ma che il monumento al nostro eroe è stato eretto sul porto di Milazzo. Chiedo venia.

  6. Rossana Tirincanti dice:

    ..chiedo scusa per il nome errato dell’artista , da me menzionato !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *