L’arte della pergamena

di Pancrazio “Ezio” Vinciguerra

Alla fine di un viaggio per mare, più o meno lungo che sia, ogni marinaio, pervaso dall’entusiasmo del rientro a casa porta con sé scendendo dal barcarizzo, un impagabile bagaglio di sensazioni e ricordi.

In ogni sosta, in ogni agognata franchigia (libera uscita), sapori, volti e lingue diverse si mescolano e arricchiscono professionalmente, culturalmente e soprattutto umanamente i marinai.

C’è una vecchia consuetudine a bordo, in caso di periodi più o meno lunghi di navigazione, dove si realizzano pergamene che, corredate da francobolli e annulli filatelici di ogni porto d’attracco, riassumono artisticamente tutte le tappe  dell’avvenuta navigazione.

Le tante e belle pergamene di  finissima e pregevole realizzazione, arricchite da francobolli direttamente scelti dagli autori,  coniugano  professionalità e passione per il disegno con mano ferma, quelle lunghe scie d’acqua lasciate nei mari del mondo dalle nostre navi.

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Che cos'è la Marina Militare?, Curiosità, Racconti. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *