La canzone del capitano

Francesco Facchinetti

Porta in alto la mano                                          T’ho catturata
segui il tuo capitano                                           tolta dalle braccia di quell’uomo in veste di Peter Pan
muovi a tempo il bacino                                   che col cervello chiuso, ottuso
sono il capitano uncino                                     sepolto in mezzo all’Isola che non c’è
un passo avanti ondeggiando                          faceva fusa a tutte le sbarbine
un’altro indietro bailando                                 proprio come te
muovi a tempo il bacino
sono il capitano uncino                                      Ma adesso ascolta e chiudi quelle ali
vieni via con me come travolta
E’ notte fonda                                                          e balleremo insieme i dischi di una volta
è come su una barca di pirati in festa            e poi in coperta mi sfilerai l’uncino
io con la bandana in testa                                   e poi il bacino un movimento fino al mattino
ti do la caccia e la folla balla                              e poi in giardino faremo casino con tutto
e dentro la piscina c’è chi prova                       il resto della ciurma che ascolta, salta, rimbalza
a stare a galla come una palla!                          E con in alto la mano segue il suo capitano

Mi giro in torno seguendo il tuo bacino        E’ notte fonda
bello come il mondo, rotondo,                         e nella mia piscina si cavalca l’onda
io mi ci tuffo, mi ci impossesso                         a ritmo della musica che non affonda
perché sono il capitano se! il capitano se! se!    come un corsaro, un bandito, un capitano uncino
e dopo aver legato Peter Pan  ti ho fatto mia
Come un corsaro, un’abile bandito                      con in alto la mano
capitano uncino ti ho fatto mia                            segui il tuo capitano
dalle tue labbra pendo                                          ti ho fatto mia
ma non mi arrendo                                               e dopo aver legato Peter Pan
e cerco di portarti via                                          con in alto la mano
a mare aperto                                                       segui il tuo capitano
dentro il mio mondo                                            sì, ahia!
dove sovrano avrò il tuo tesoro
perche sono il capitano e con la mano in alto
ti do il mio tempo segui il ritmo del capitano

Segui il ritmo del capitano, seguimi

Questo articolo è stato pubblicato in Il mare nelle canzoni. Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *