Ho visto piangere un angelo

(Roberto Cannia)


… Contro ogni forma di indifferenza.
Ho visto piangere un angelo
sui gradini di una chiesa,
con la mano tesa
verso l’indifferenza
del genere umano.

Ciao Ezio, ho vissuto veramente questo momento a Palermo nel 2002.
Un giovane ragazzo con i capelli lunghi biondi, era disteso sulle scalinate
con la siringa ancora infilata nel braccio.
Mi ha colpito il fatto che molti lo evitavano con disprezzo.
All’epoca frequentavo spesso Palermo e quel ragazzo non ‘avevo mai visto prima di allora.
Arrivato a casa pensavo spesso a quella scena ed ho scritto questi versi
che sono usciti dal mio cuore, navigando su qualche lacrima,

… e dopo non l’ho più rivisto.

Ciao grande amico mio!

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Poesie, Racconti. Permalink.

2 risposte a Ho visto piangere un angelo

  1. Rossana Tirincanti dice:

    …l’indifferenza che alberga ormai nelle nostre città , e un pò dappertutto , mi dà un senso di smarrimento e di angoscia ! Sentirsi soli in mezzo alla gente …è quanto di più brutto si possa provare ! Non esiste più neanche la pietà , anzi si arriva a provare disprezzo per un povero figlio bisognoso di aiuto….Tutto questo è molto triste , e lascia la bocca amara !
    Scusami Ezio ….come si può voltare la faccia di fronte a una richiesta del genere ? E’ vergognoso …

  2. ezio dice:

    … Una mia amica giornalista, Laura Pimpolari, ha coniato un bellissimo slogan ad un evento che si tiene Grosseto per aiutare sia i diversamente abili che chi ha bisogno:
    “DIVERSIFICHIAMO L’INDIFFERENZA”.
    Grazie Rossana per la tua testimonianza. Ezio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *